venerdì 25 novembre 2016

Il Tiramisù del Cappellaio Matto





Di Micol H.
Traduzione di Eleonora
Foto di Michael

Confesso che seguo la vostra sfida da molto tempo, dai Profitteroles, credo. In silenzio, con l'aiuto del traduttore, ho provato quasi tutte le ricette, seguendo i regolamenti dati. Quella di Susy non ha fatto eccezione.
Anche questo blog lo seguivo con attenzione da tanto tempo, pur non conoscendo ancora Ele di persona, per il legame forte e innegabile che abbiamo tra di noi, anche se l'ho abbracciata per la prima volta a settembre di quest'anno, quando ho accompagnato Michael in India.
Sto divagando, ma volevo in un certo modo presentarmi, perchè gli spiriti che vivono in questo blog sono anche un po' i miei. È di mia sorella Sarah il diario di ricette che Ele custodisce preziosamente, ed era mio cognato quel Bianconiglio che saltella spesso in queste pagine.
Fatta la mia propria introduzione, vorrei dire che questo, più che sexy, è il tiramisù di una donna innamorata. Innamorata di un Cappellaio talmente matto, che è riuscito a farmi convincere da una squadra di blogger a pubblicare questa ricetta. Tanto matto, da riuscire a conquistare un cuore duro come il mio.
E cosa c'è di più sexy di un uomo testardo che sa sempre cosa vuole e come ottenerlo? ;)
Quindi, il legame tra il mio cappellaio, e Johnny Depp, icona sexy del cinema americano, nei panni del cappellaio matto in Alice in Wonderland, non si è fatto attendere. 
Voluttuosa e sexy è la crema al mascarpone e il gianduia che si scioglie in bocca.
Il tiramisù è tondo come gli orologi di cui il personaggio è appassionato e i cuori, che evocano la regina, volendo, potrebbero indicare le ore.
Non ho una grande fantasia. Non mi sento all'altezza della vostra sfida e i vosti capolavori, ma ormai credo che sia troppo tardi per ripensarci.
O no?


Tiramisù del Cappellaio Matto


Per il gianduja di Christophe Michalak
(rende 450 g di gianduia)

150 g di nocciole intere
150 g di zucchero a velo
150 g di cioccolato al latte 40%
1 pizzico di sale

Preriscaldare il forno a 160°C
mettre le nocciole su una leccarda da forno e farle tostare per 10-15 minuti, muovendole di tanto in tanto. Toglierle dal forno e lasciarle raffreddare.
Togliere la pellicina alle nocciole. Grazie alla torrefazione in forno è un'operazione facile. Basta metterle in un panno da cucina e strofinarle tra loro. Non preoccupatevi se ne resta un po'.
In un robot da cucina, mettere le nocciole, lo zucchero e un pizzico di sale. Avviare il robot fino ad ottenere una consistenza cremosa.
Fondere il cioccolato a bagno maria insieme alla pasta di nocciole e mescolare.
Versare il gianduia in uno stampo rettangolare rivestito di carta forno e metterlo in frigo tutta la notte per farlo indurire.
Non lasciatelo alla vista di mariti o compagni, perchè potreste ritrovarvi senza. ;)
Che qui, con la scusa del magnesio...

Per la crema

250 g di mascarpone
2 tuorli
zucchero, pari peso dei tuorli
250 g di panna fresca da montare
30 g di zucchero a velo

Lavorare brevemente con la frusta a mano il mascarpone. Mettere le uova e lo zucchero in una ciotola e metterli a bagno maria. Senza mai smettere di sbatterli, con frusta a mano o elettrica, aiutandovi con un termometro di cucina, portate questo composto a una temperatura di 70°C. Lasciare raffreddare il composto immergendo la ciotola in un un bagno di ghiaccio.  Intanto, montate la panna con lo zucchero a velo, abbastanza ferma, fate attenzione che non diventi burro.
Incorporate il composto di tuorli al mascarpone in modo da ottenere una crema omogenea e poi, delicatamente, con una spatola, incorporare la panna.

Per i cuoricini variegati

100 g di cioccolato bianco
40 g di cioccolato fondente

Fondere i cioccolati separatamente a bagno maria. Su un foglio di carta forno, stendere con una spatola di metallo il cioccolato bianco in uno spessore ci circa 2mm. Colare a filo un po' a caso il cioccolato fondente e con uno stuzzicadenti, fare giri vari in modo da creare l'effetto variegato.
Prima che il cioccolato solidifichi del tutto, sommergere un taglia biscotti piccolo a forma di cuore in acqua molto cada, asciugarlo e tagliare i cuori di cioccolato. Passare le formine su un altro foglio di carta forno delicatamente e lasciarle solidificare fino all'uso.
Fatene sempre di più di quanti ne avete bisogno, alcuni si rompono, e alcuni finiranno irrimediabilmente in bocca, e poi sui fianchi ;)
Nascondeteli bene, fino a che ne avrete bisogno.




Per il montaggio

savoiardi (non ho idea della quantità usata)
caffé espresso forte
la crema di mascarpone
150 g di gianduia (molto a occhio)
una manciata abbondante di nocciole tostate e triturate in granella fine
cuoricini di cioccolato variegati
cacao in polvere

Sul fondo di uno stampo a cerniera di 23 cm, sistemare uno strato di savoiardi imbevuti nel caffé. Coprire con la metà della crema e sparpagliare il gianduia tagliato a pezzi piccoli e le nocciole, cercando di lasciare un centimetro dal bordo. Ricoprite con un altro strato di savoiardi inzuppati nel caffé, mettendoli nel senso inverso al primo strato. Ricoprire con la crema restante. Spolverizzare con cacao amaro in polvere. Decorare con i cuoricini variegati.
Mettere in frigo per varie ore, io l'ho lasciato tutta una giornata. Circa 12 ore.
Al momento di servirlo, aprire delicatamente la cerniera dello stampo e fare scivolare il tiramisù su un piatto o un cartone da pasticceria. Attenzione a non romperlo, il rischio è alto, perchè la crema è molto delicata.



Questa ricetta partecipa fuori gara al MTC 61



16 commenti:

  1. Ce blog a des âmes merveilleuses!!
    Merci puor la ricette, Micole!
    J'espère la faire le plus tôt possible...


    PS. pardonne, mon français est rouillé!!

    RispondiElimina
  2. A me sembra assolutamente all'altezza dell'MTC! Quanti intrecci nella vostra famiglia, ma il fil rouge è l'amore, che, ancora una volta, ha vinto

    RispondiElimina
  3. Merci Micol! Quelle surprise! E grazie Michael e Eleonora per questo regalo!

    RispondiElimina
  4. Stupenda ricetta. Grazie per averla condivisa, assieme ad un altro pezzetto della vostra storia, sempre più avvincente..

    RispondiElimina
  5. Parbleu!
    C'est un tiramisù délicieux, et une dédicace adorable!
    PS. Je suis turinois, donc je suis particulièrement sensible à la gianduja :)

    RispondiElimina
  6. My french in bad, anyway someone I know is going to translate my words to you, dear Micol....I was waiting for you... and so...welcome in this wonderland world .... hope to meet you asap with Mich xoxoxoxoox

    RispondiElimina
  7. Merci Micol! J'aime beaucoup ton Tiramisù! Je vais le faire bientôt!

    RispondiElimina
  8. Non conosco una parola di francese ma è un piacere conoscere te. Il dolce è uno spettacolo,che ne dici di unirti a noi?

    RispondiElimina
  9. Non conosco una parola di francese ma è un piacere conoscere te. Il dolce è uno spettacolo,che ne dici di unirti a noi?

    RispondiElimina
  10. Grazie Micol per esserti lasciata convincere!!!
    Leggendoti mi sono resa conto che sei molto più "della nostra famiglia" di quanto non pensassi: il ricordo di Robert è presentissimo nella nostra Commmunity, ma non avevo mai realizzato che sua moglie fosse la stessa Sarah del prezioso quaderno di ricette di Ele.
    Benvenuta quindi nella nostra pazza famiglia, di cui il Cappellaio Matto è sicuramente un esponente di spicco! ;-)

    E per quanto riguarda il tuo Tiramisù, beh, è SPAZIALE. Roba da tentare perfino me, che di questo dolce non sono certo una fan.

    Un caro abbraccio.

    RispondiElimina
  11. Matto??? :)))
    Forse, matto ma felice. Testardo? Io? :)))
    Sono piacevolmente sorpreso che Ele abbia lasciato intatto la parte del tuo testo dove ti sveli e la sveli, con quella delicatezza di cui solo tu sei capace.
    Del tiramisù e del gianduia non dico niente, ho già detto tutto ieri sera. Il paragone con Johnny Depp, però, me lo stampo per il futuro.
    E qualsiasi cosa...è colpa di tua nipote. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il commento poi te lo traduco. O forse no. :))

      Elimina
  12. Qui siamo tutti un po' innamorati, di tutti quanti: di Robert, dal primo giorno- e qui mi fermo. Di Eleonora, da non so piu' quanto- ed e' un innamoramento che costantemente si rinnova, fra conferme e scoperte. E da qualche tempo di Michael: qui, c'e' la folla delle grandi occasioni, con tutta che il dco non e' certo un prodotto da saldi del Black Friday. Eppure e' riuscito a conquistare tutta la Community, parte maschile compresa, con la sua classe, il suo fascino e il suo stile.
    Manca il quarto lato, a un quadrilatero perfetto- e non sai come vorrei che fossi tu a chiudere questo percorso che, nelle vicissitudini inscrutabili della vita, ha incontrato nel suo percorso anche questo gico, rendendolo indicibilmente piu' ricco- di bravura, ma soprattutto di emozioni.
    E comunque: e di quel gran bel figliolo di Michalack, non diciamo nulla????? :)
    Ricetta strepitosa, e non c'e' bisogno di spiegare il perche'!

    RispondiElimina
  13. L'MTC è anche e sopratutto questo : conoscere belle persone . Non vi conosco personalmente ma si sente che siete una coppia ....dolcissima :-)

    RispondiElimina
  14. Ciao cara e ti devo assolutamente dire che mi hai lasciata senza parole....il cappellaio matto...ma tu sei una troppo avanti!!! Caspita che meraviglia di proposta e che bella presentazione, chi oasa dire che non è all'altezza dell'Mtc non capisce nulla, credimi ho visto parecchie proposte e la tua non ha niente da invidiare! Mi hai colpita e sono felicissima della tua "matta" partecipazione.

    RispondiElimina