venerdì 4 febbraio 2011

Il vecchio dell'orto e una Torta salata di zucchine (alla vaniglia....)

Non conosco il suo nome né la sua storia, ma qualcosa mi dice che è di quelle persone che non ha mai lasciato questa città: qui ci è nato, cresciuto e qui morirà, attaccato a questo posto che è campagna e città allo stesso tempo, alla terra fertile e al suo orto, che comincia dietro casa mia e finisce con la fila dei platani al lato del Canal de Berry.
L'ho soprannominato "il vecchio dell'orto" perchè il suo viso segnato dal tempo e il suo anadre curvo e lento, mi fa pensare che probabilmente le 75 primavere son passate da un pezzo. 
Lo vedo tutti i giorni, un uomo di salute ferrea, sempre in movimento, con la zappa è un mago, fa dei quadrati perfetti sul terreno, che io non saprei neanche disegnare su un foglio bianco, immagino che sia l'esperienza. In moto perpetuo, il vecchio dell'orto è costante. Anche sotto la neve, l'ho visto tirar su degli improvvisati tetti di plastica per salvare degli attraenti cavolfiori dal gelo, o tirar via un'erbetta o levare una foglia secca da una pianta che non riconosco da lontano.
Quando c'è vento e sole, l'orto diventa uno spettacolo incantato: gli alberi da frutta sono tempestati di piccoli pezzi di vetro attaccati con delle cordicelle, per spaventare gli uccelli, ecco, con la luce del sole e il vento si crea un'atmosfera magica, di luci, colori e piccoli arcobaleni, che si proiettano e si muovono all'impazzata dappertutto, come farfalle intermittenti, come un Natale eterno.
Adesso tutto è grigio, la terra è fredda, gelida e muta e quel che cresce in inverrno, è riparato da serre improvvisate, mentre i quadrati di terra aspettano la fine dell'inverno alcuni per esssere seminati, altri per rinascere come fosse dal nulla.
Ma quando la primavera arriva, lo spettacolo esplode: il verde ritorna e invade, i fiori blu, rossi, gialli, arancio e viola crescono in fila fra le aiuole preparate e con il passare del tempo, zucchine, pomodori, carote, ravanelli e tutto quanto si voglia appare in tutte le forme, colori, sapori.
È per questo che quando guardo dalla finestra della cucina e lo incontro con lo sguardo o semplicemente guardo il suo lavoro, penso a lui, e ogni volta che taglio una verdura, lo sguardo si dirige verso la sua casa, con il camino che sbuffa e un bel cagnolone che lo insegue fedele, e non mi resta che immaginare la sua vita....





Ingredienti per una torta di 23 cm
500 gr di pasta sfoglia
500 gr di zucchine tagliate a dadini
una stecca di vaniglia, aperta a metà
un filo d'olio
3 rametti di basilico (o basilico surgelato ma non secco)
2 fettine di pancetta
200 grammi di panna, leggermente montata senza zucchero
burro per ungere
2 uova + un tuorlo
2 cucchiai di latte
sale e pepe



Riscaldare il forno a 210°. Fate rosolare nell'olio caldo la pancetta tagliata fine e aggiungere quindi le zucchine e la vaniglia, saltare per fare insaporire e in modo che la vaniglia dia tutto il suo aroma alle zucchine, salare e pepare e lasciar raffreddare.. A parte, unire la panna, il latte e le uova intere e aggiungere il basilico a questa preparazione.  Unire le zucchine alla preparazione a base di panna.
Su una base infarinata, stendere la pasta sfoglia e ricavarne due dischi, uno un poco più grande della tortiera e l'altro leggermente più piccolo. Foderare la teglia già imburrata con il disco più grande, fare dei buchini con una forchetta e riempire con le zucchine, stendendole in maniera uniforme. Coprire con il secondo disco e premere sui bordi per chiudere bene. Sbattere il tuorlo d'uovo con una cucchiaiata di acque e spennellare la torta. Praticare sulla torta dei tagli regolari e infornare per 35 minuti.




Con questa ricetta partecipo al Contest Una Zucchina per Amica di Basta un soffio di vento e....


64 commenti:

  1. Oh Ele sei troppo brava..davvero un bellissimo post..sai mi sembrava di vedere tutto quello che hai descritto attraverso i tuoi occhi :)
    e poi la ricetta! ma che idea la zucchina e la vaniglia..dovrei provare..peccato che il marito detesti le zucchine..ma a mio figlio e a me piacciono tanto..ce la faremo tutta per noi ^_^
    un bacione ed un buon fine settimana..

    RispondiElimina
  2. Sai che leggendo le tue parole, mi sono immaginata "il vecchio dell'orto" al lavoro nei campi? Mi capita sempre quando leggo qualcosa che mi coinvolge! E questa torta? La vaniglia con le zucchine sarei proprio curiosa di provarla.... grazie per l'idea :-)

    RispondiElimina
  3. Che vergogna, ma ti pare che non ero sostenitrice?dicevo mi manca qualcosa in bacheca! Non amo usare ortaggi fuori stagione ma questa torta salata con nota speziata alla vaniglia dev'essere favolosa!

    RispondiElimina
  4. fantastica, il tocco di vaniglia la rende davvero originale, adesso però mi hai fatto venire voglia di assaggiarla!!!

    RispondiElimina
  5. Buongiorno poetessa! Ma il vecchino dell'orto ha un cappello? Non so perchè ma l'immagino così. Vorrei poter avere anche io il tuo stesso panorama dalla finestra della mia cucina, magari! Io però ti potrei raccontare della mia dirimpettaia e dei suoi perenni bucati....Lo so, non è altrettanto poetico, ahahah!
    Comunque la tua torta deve essere buonissima. Mi piace molto l'idea del connubio tra pancetta zucchine e cannella. Bravissima.
    Baci
    Rosalba

    RispondiElimina
  6. Buongiorno i tuoi piatti e i tuoi post sono troppo belli! Complementi per tutto troppo belli!
    un bacione Anna

    RispondiElimina
  7. Mai pensato alla vaniglia per aromatizzare una preparazione salata! dovrò provare perchè sono curiosa di sapere che sapore ha! Baci

    RispondiElimina
  8. Come sarebbe che "qui il radicchio non esiste"???? In compenso però recuperi con le zucchine... un bacione cara!

    RispondiElimina
  9. Buongiorno! Che bella descrizione fai di questo caro nonnino. Per un attimo siamo state tutte affacciate alla finestra della tua cucina a vedere il vecchio dell'orto, mentre coltiva amorevolmente i suoi ortaggi.
    Bellissimo post e buonissima la torta rustica.

    RispondiElimina
  10. Amo le torte salate! E non ho mai provato ad accostare le zucchine alla vaniglia, anche se ho visto torte dolci con le zucchine nell'impasto...
    Preferisco però provare la tua meravigliosa torta salata!
    Un abbraccio e buon we :-)

    RispondiElimina
  11. Sembra molto molto buona! bravissima, vinca il migliore ;)

    RispondiElimina
  12. Bello, come tutti, il tuo scritto, che mi riporta al mio papà, che le 75 primavere le ha festeggiate l'anno scorso e che proprio l'anno scorso ha visto il suo orto, bello e pieno di passione.. divorato dalla famiglia di coniglietti selvatici che ha trovato casa nel cespuglione adiacente l'orto... Giusto pochi giorni fa gli ho chiesto se volessi rifarlo per quest'anno e, laconico mi ha risposto che "va bene rispettare i coniglietti selvatici, ma sgobbare apposta per sfamarli no eh!!"
    MI mancheranno le sue zucchine, che con la vaniglia mi mancavano proprio! Chissà che profumo!!

    RispondiElimina
  13. una storia fantastica, chissà quante storie potrebbe raccontare il tuo vicino e quanta esperienza!!! La ricetta è davvero deliziosa!! Buon we

    RispondiElimina
  14. Sembra proprio che vivi in una terra incantata... dovessi mai fare una gita "fuori Parigi", verrei solo per guardare questo spettacolo da te descritto! In effetti io sono a 300 Km, forse sei più vicina di quanto penso ;) Bellissima ricetta, la linko subito e non vedo l'ora di rifarla. Un abbraccio

    RispondiElimina
  15. Cosa darei per addentarne un pezzetto!!Gnammi!! Bravissima e buon week end cara :)

    RispondiElimina
  16. Mmmmm che buona!! Dalla foto mi sembra squisita!! Brava!

    RispondiElimina
  17. Bravissima!!! sei fantastica :)buon we :D

    RispondiElimina
  18. che bello questo post,ha in se un calore tutto particolare!!
    baci

    RispondiElimina
  19. Eleonora ciao! Chissà che profumo ha la tua torta rustica...e che bontà!!! Zuchhine e vaniglia è da provare sicuramente...Complimenti come sempre anche per la bella introduzione alla ricetta!
    Baci!

    RispondiElimina
  20. Bravissima Eleonora, originale e molto appetitosa questa torta salata, perfetta per la raccolta!!! Un abbraccio cara!

    RispondiElimina
  21. Adesso capisco... mi era sfuggito questo "piccolissimo" particolare che tu vivi in Francia!!! ;-) Beh, dai, però hanno delle ottime zucchine! E tu le hai trasformate in un piatto meraviglioso!!!!

    RispondiElimina
  22. Mi incuriosisce il gusto della vaniglia nelle zucchine... ottima la torta, da provare! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  23. che dire, splendida... e anche deliziosa! complimenti!

    RispondiElimina
  24. Fantastica......
    ne vorrei tanto una fettina :-)

    RispondiElimina
  25. Sto scoprendo anch'io l'uso della vaniglia nei piatti salati, anche col pesce, risultato eccellente se saputa dosare!!
    Ottima questa quiche
    Cris

    RispondiElimina
  26. Anno nuovo e contest nuovo per Dolci a gogo!!In collaborazione con Le Creuset, il mio blog ha organizzato un contest "Tutto in cocotte". Tra tutte le ricette partecipanti sarà scelta la più meritevole premiata con 4 cocotte Le Creuset.
    Per altre informazioni corri a leggere il post.
    Ti aspetto
    Baci Imma

    RispondiElimina
  27. Ho praticamente visto il vecchio dell'orto leggendo le tue parole! Scrivi divinamente, così come cucini! Che acconstamento stuzzicante vaniglia e zucchine

    RispondiElimina
  28. da dove comiciare?

    qui e' bello tutto ricette, foto e i deliziosi post!

    a presto

    RispondiElimina
  29. La vaniglia in una preparazione salata mi incuriosisce molto.......che bella la storia del vecchio dell'orto!!

    RispondiElimina
  30. Strepitosa la tua torta salata e molto carino il tuo racconto del contadino, possiamo solo immaginare di quanto lavoro ed attenzione ha bisogno un orto.

    RispondiElimina
  31. Ma sai che quasta cosa della vaniglia nella torta salata mi piace un sacco? Ho apppena finito di dire che la vaniglia mi piace talmente tanto che la metterei dappertutto e trovo una ricetta di zucchine e vaniglia insieme. Figurati se non ci sono rimasta!
    Da provare assolutamente, immagino il sapore incantevole, il giusto accompagnamento a questo delicato racconto!
    un bacione e buon w.e

    RispondiElimina
  32. ciao! sai cosa hai di bellissimo(buonissimo) questa torta?Che si vede benissimo che sa DI ZUCCHINE, che puoi GUSTARE le zucchine!!! ahhh che meravigliaa!!!! 10+ !!!

    RispondiElimina
  33. che bella la storia del vecchio dell'orto... :)
    e questa torta deve essere davvero particolare. brava!!

    RispondiElimina
  34. Che piacere ritagliarsi dieci minuti per leggere in totale relax i tuoi racconti. Cosi belli, cosi personali, cosi sinceri!

    P.s. con un po' di ritardo ti abbiamo finalmente aggiunta con piacere tra i nostri blog amici!

    RispondiElimina
  35. la nota di vaniglia la rende originale e sicuramente piacevole....è da provare!

    RispondiElimina
  36. Ha un'aria così invitante.. alla vaniglia e zucchina non avevo mai pensato, però!
    Un abbraccio e buonissimo fine settimana

    RispondiElimina
  37. interessante questa torta!!!!!!!!la segno da provare! baci!

    RispondiElimina
  38. Ciao cara Eleonora che tenerezza la storia che ci parla del tuo anziano vicino...mi è familiare... :)
    E che buona la torta salata(io le adoro in tutte la salse,ma specialmente quelle di verdura ;)

    RispondiElimina
  39. Una combinazione di ingredienti in cui spicca la vaniglia a rendere il tutto originale e quindi molto, molto interessante ^_^

    Baci in formato maxi

    RispondiElimina
  40. Come sempre sei bravissima a raccontare, mi sembra di vedere quello che leggo, è una bella sensazione!!!
    La torta la vedo.....ma la vorrei mangiare!!!
    Buon week end

    RispondiElimina
  41. E' talmente bello quello che hai scritto che me lo sono figurato nella mente e mi sono vista scorrere le immagini di questo orto e di questo signore, col suo cane che lo segue fedele.
    La torta che hai realizzato ci ha saputo conquistare in un attimo, ci intriga per via delle zucchine cucinate insieme alle bacche di vaniglia, per via della panna e della sua cremosità, amiamo questi sapori, delicati e legati alla terra.
    Bacioni e buon fine settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  42. Sarò la centesima persona a dirlo ma voglio dirlo ugualmente: scrivi divinamente!
    E ovviamente altrettanto cucini:)
    Baci, Barbara

    RispondiElimina
  43. Squisita .. scrivi davvero benissimo complimentoni !!!

    RispondiElimina
  44. Questo post mi ha portato indietro nel tempo, a quando vedevo mio nonno curare l'orto o la vigna. Era la sua seconda casa e aveva la stessa abilità e devozione dell'uomo dell'orto di cui parli. In primavera volevo andare sempre con lui, perchè mentre lui curava le sue culture io mi mangiavo le ciliegie dei nostri due alberi. Quanti ricordi. Questa torta comunque è buonissima e l'aggiunta della vaniglia un tocco geniale. Io fossi in te ne farei assaggiare un trancio a quel signore. Magari la prossima volta le verdure per realizzarla te le potrebbe donare lui ;-). Un bacione

    RispondiElimina
  45. Che abbinamento fantastico tesoro,zucchina e vaniglia..wow,meglio di cosi non potevi fare..brava!!!!! ;-)
    A proposito,come va??State meglio con l'influenza??
    Spero di si un abbraccio ciao**

    RispondiElimina
  46. Molto insolita! Dài la proverò al più presto!!!!

    RispondiElimina
  47. Un post meraviglioso,l'orto sembra quello di mio papà che nonostante i suoi 85 anni è ancora un artista eccezionale.Mio marito a volte prova a imitarlo ma è tutta un'altra storia...l'arte è arte.
    Un abbraccio e buona domenica.

    RispondiElimina
  48. Ho dimenticato di farti i complimenti anche per la splendida e profumata torta.E' uno spettacolo ed originalissima.
    Di nuovo ciao!

    RispondiElimina
  49. Insomma una vista e un vicino da invidia :).
    La torta salata con quel tocco di vaniglia dev'essere speciale. La proverò.
    buona serata.

    RispondiElimina
  50. Passare nel tuo blog è un appuntamento troppo importante.....perchè riesci sempre a catturare completamente la mente...brava!! :)L'idea della vaniglia è senza dubbio fantastica e soprattutto delicata......

    RispondiElimina
  51. Ciao Eleonora,come sempre un piatto veramente originale, l'abbbinamento zucchine e vaniglia poi mi incuriosisce molto.
    Un bacione Fausta

    RispondiElimina
  52. Un meraviglioso post, anche a me sembrava di vedere il vecchio lavorare nell'orto!! Un abbinamento alquanto originale, ma immagino il profumo che invade la cucina mentre cuoce!!!
    Un abbraccio e buona domenica!!!

    RispondiElimina
  53. Ciao cara!! Questa torta salata è meravigliosa!! Complimenti!!Un bacione.

    RispondiElimina
  54. Ele... ammazza che super descrizione hai fatto!!! hai un futuro di scrittrice.. immaginavo ciò che hai scritto.. esattamente come mi accade quando leggo un libro!!! Ottima la torta salata.. Buona domenica :-DD

    RispondiElimina
  55. Sembra sempre così vivo e reale tutto ciò che descrivi tesoro, anche senza esserci. Sei magica ^__^ Come è magica questa torta salata, l'uso salato della vaniglia mi incuriosisce tremendamente :D! Un bacione, buona serata

    RispondiElimina
  56. Bellissima! Complimenti... poi la vaniglia con la zucchina mi sembra un ottima idea!

    RispondiElimina
  57. Per me è una bella novità,questa torta salata speziata alla vaniglia. Complimenti!^_^
    Un bacione e buona settimana
    Raffa

    RispondiElimina
  58. che bello questo personaggio che vcura la terra, deve essere rassicurante vederlo!
    ottima questa torta, molto gustosa!

    RispondiElimina
  59. come sempre i tuoi post hanno quella magia che li rende unici.. la torta salata con il profumo di vaniglia.. è meravigliosa.. un abcio

    RispondiElimina
  60. Finalmente un nuovo contest! Farina, lievito e fantasia in collaborazione con Emile Henry ha organizzato uno straordinario contest “Frutta in pentola”, dove la protagonista indiscussa è proprio la frutta, sia fresca che secca. I premi? Beh ti invito a sbirciare nel blog, ti aspetto http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/2011/02/contest-frutta-in-pentola.html

    RispondiElimina
  61. particolarissimo l'abbinamento zucchine e vaniglia! davvero azzeccato e da provare.. brava ele!

    RispondiElimina
  62. Come sempre, cara Eleonora, i tuoi post lasciano un buon sapore.
    Immagino già il piatto prima di arrivare alla foto! Sei bravissima, e poi questo in speciale mi ricorda mio nonno, e quella zuppa di zucchine da quando ero piccola... quando vado a trovarlo passiamo tanto tempo nel orto e mi racconta come si coltivano i pomodori più tosto che le melanzane e zucchine.

    La tua torta salata mi sa di esotico con questo tocco di vaniglia, e riesco a immaginare il suo sapore morbido!

    RispondiElimina