lunedì 14 marzo 2011

Danubio alla pasta di pistacchio...Omaggio a una Terra di Latte e Miele

All'inizio non volevo neanche provarci.  Appena l'ho visto, ho detto: questo mese passo.
Poi, ho pensato a Strauss e il suo Bel Danubio Blu...una forma di libellula, il racconto di un insetto, che mi riserverò per più in là, poichè il Danubio colorato di blu sarebbe potuto essere forse bello, ma poco appetitoso
Poi quando ho trovato una piccola ispirazione, mi sono accorta che la Manitoba qui in Francia la vendono solamente ai professionisti, in pacchi da 5 kili.
Dunque a disposizione avevo normale farina, lievito e il resto degli ingredienti, tranne lo strutto. Eh sì, pure quello mi mancava. Certo, avrei potuto usare il grasso d'oca, dalla stessa consitenza ma dal sapore decisamente forte. Francesizzare il Danubio? Potrei, ma non fino a questo punto.
Poi dubbi, tanti dubbi, gentilmente chiariti da Alessandra...posso sostituire? togliere? aggiungere? palline o non palline? 
E poi di nuovo l'interminabile ping pong in testa: No, non lo faccio. Si, si lo faccio. No, non lo faccio. Troppo difficile, troppi ingredienti mancanti, questa volta mollo.
Leggo e rileggo il post di Tery, (sicuramente ha almeno 200 visite provenienti dalla Francia questo mese) mi guardo quel danubio, me lo sogno la notte, lo penso, lo disegno, lo stravolgo nero su bianco...ma so dentro di me che non ce la farò mai... Mai?
Le parole chiave sono state Latte e Miele.  Il lievito si scoglie nel latte e nel miele...
Una scintilla, una luce, riminiscenze di dialoghi notturni, lezioni di vita, parole scritte per non farle volare con il vento e gli insegnamenti di tenacia, di lotta, determinazione, di non arrendersi mai...
Non potevo non fare il Danubio, malgrado tutti gli ostacoli, e l'ho voluto trasformare in un omaggio a una Terra di latte e miele, il cui popolo lotta da secoli senza arrendersi.

E D-o disse a Mosé:
"Và pure verso la terra dove scorrono latte e miele" Esodo 33.3

Israele, terra di latte e miele. 


Il Magen David, o stella di Davide è il simbolo dello Stato d'Israele e uno dei simboli più importanti del Giudaismo.



Un Danubio al sapor d'Israele

Ingredienti:
500 gr di farina 00 (senza manitoba, introvabile)
150 gr di latte
3 tuorli e 1 uovo intero
1 cucchiaino di sale
10 gr di lievito di birra (io una bustina di lievito secco)
40 gr di zucchero
1 cucchiaino di miele
80 gr di strutto (io ho sostituito con burro)
20 gr di burro
una cucchiaiata generosa di acqua di fiori d'arancio (in più)

Ingredienti per la pasta di pistacchio:
200 gr di pistacchi non salati, precedentemente mondati
200 gr di zucchero a velo
olio di semi di uva, quanto basta.

Il procedimento è lo stesso che ha usato Tery: ho sciolto il lievito nel latte tiepido con il miele e poi ho aggiunto la farina per cominciare a impastare. Poi l'uovo intero, lo zucchero e due dei tre tuorli e ho avviato la planetaria per impastare, fino ad incorporare tutto. Poi ho aggiunto l'ultimo tuorlo e il sale e ho continuato a impastare. Poi il burro e l'acqua di fiori d'arancio e ho impastato per almeno 20 minuti, a velocità minima.
La prova del velo è riuscita dopo circa una mezz'ora di impasto totale.
Per il procedimento passo a passo, vi invito a guardare qui.
Poi l'ho messo a crescere fino a raddoppiarlo e una volta passate due ore circa.

Intanto ho preparato la pasta di pistacchio: ho macinato i pistacchi fino ad ottenere un composto sabbioso e un po' oleoso. A questo punto ho aggiunto lo zucchero ed ho ottentuto una pasta abbastanza asciutta. Ho aggiunto l'olio, sempre mischiando nel mixer, poco a poco, un filo alla volta, fino ad ottenere una consistenza molto simile alla ricotta.


QUESTA FOTO È STATA SECONDA CLASSIFICATA DEI PREMI 30 MM DEL MT CHALLENGE DI MARZO 2011


Quando la pasta era pronta e ben lievitata, l'ho sgonfiata e divisa in pezzi di circa 30-35 grammi ognuno (pesati mano a mano) dai quali ho ricavato dei dischi che ho riempito con un cucchiaino di pasta di piastacchio ognuno. Con ognuno di questi dischi ripieni ho formato una palla liscia, ben sigillata. Li ho disposti a forma di stella sulla placca ricoperta di carta-forno e li ho lasciati crescere anora fino a raddoppiarsi dentro il forno un po' intiepidito.
Una volta cresciuti, li ho spennellati di latte e infornati a 220° per circa un quarto d'ora.






E questa è la mia partecipazione al MT Challenge di Marzo 

71 commenti:

  1. E volevi rinunciare a preparare una simile meraviglia delle meraviglie?!?!? Meno male che la notte porta consiglio :D! Quel ripieno di pasta di pistacchio sta mettendo a serio rischio l’incolumità del mio monitor......... Un bacione bellezza, buona settimana

    RispondiElimina
  2. ma che bella stella!:O
    sei stata bravissima e la premessa alla ricetta è davvero bella.

    Brava Ele, e pensa se non lo avessi fatto cosa ci saremmo perse!^_^ bravissima

    RispondiElimina
  3. Quoto Federica: e volevi rinunciare? non te lo avremmo mai perdonato- non dopo aver visto questa ricetta. Senza contare che le idee che rimbalzano nella tua testa, come se giocassero a ping pong sono l'immagine più indicata per un lievitato tutto fatto di palline :-)
    senti, cosa posso dirti, se non che siamo davvero felici della tua partecipazione all'MTC? prima, il mondo a testa in giù con le frikadelle sudafricane, ora la terra del latte e del miele... lo sai, vero, che non possiamo più fare a meno di te??? :-)))
    corro a metterti in home page, ciao!
    ale

    RispondiElimina
  4. una meraviglia ...
    complimentissimi e un bacione dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  5. Ma e' bellissima, ed i ripieno poi... sei magica!

    RispondiElimina
  6. FANTASTICO!!! Brava brava brava, bel post anche
    baci
    cris

    RispondiElimina
  7. Hai fatto benissimo a farlo, il risultato ne valeva la pena! Deve essere davvero ottimo, mai provato. Ma col pistacchio mi ispira molto!! Baci!

    RispondiElimina
  8. ci stupisci sempre, questo Danubio è splendido, ho io pistacchi di Bronte appena comprati, mi faccio tentare...baci

    RispondiElimina
  9. Direi che ti è venuto perfetto! Io invece mi scoraggio sempre più....mezz'ora di planetaria? A mano ci passo mezza giornata allora!
    Una domanda da perfetta ignorante, anche io avrei il lievito di birra secco, quello che non si scioglie e che va messo direttamente nella farina con un po' di zucchero, ma le due volte che l'ho usato per altri impasti, non mi è lievitato niente....te invece l'hai sciolto nel latte, ma esistono diversi tipi di lievito secco?
    Senno faccio il grande passo e compro quello fresco...
    Grazie
    e ancora brava!
    Claudia

    RispondiElimina
  10. Che spettacolo questo dabubio!!! Brava veramente...non è da tutti!!! Un bacione e buon inizio settimana...

    RispondiElimina
  11. Io c'ho pistacchio e pistacchio e pistacchio peggio della moglie di Fantozzi con il pane, appena apri uno sportello viene fuori! :D
    Mi sono tirata indietro questo mese, il danubio l'ho già postato e penso di non arrivarci con i tempi, ma ragazzi...vedere questa meraviglia mi tenta!! Una piccola parentesi, adooooro il tuo modo di farcire il racconto con la magia della storia!
    buona giornata mia cara

    RispondiElimina
  12. meno male che non hai rinunciato, è uno splendore....ciao.

    RispondiElimina
  13. Bravissima Eleonora!!!
    Sono contentissima che non hai mollato!!
    Anche perchè ti è venuto un danubio splendito!
    Bellissimo anche il pensiero per Israele, una riflessione che fa bene al cuore..
    un bacione!

    RispondiElimina
  14. tesoor adoro il danubio lo faccio sopartutto per i buffet di compleanno lo trovo divino e questa tua versione mi fa impazzireeeeeeeee!!bacioni imma

    RispondiElimina
  15. complimenti per la ricetta! sono una golosa di pistacchi e non si trovano spesso ricette con questo ingrediente, la copierò a breve! e buon lunedi. :)

    RispondiElimina
  16. Bravissima,davvero una bella ricettina!!
    Buon inizio settimana ^_^

    RispondiElimina
  17. Tenacia, cuore e impegno hanno dato vita ad una slpendida creazione, che và ben al di là della sfida per cui è nata. Applaudo alla tua bravura....sinceramente :)

    RispondiElimina
  18. Grazie per avermi risposto subito...ho capito che proverò con quello fresco!

    RispondiElimina
  19. bellissima idea, ho giusto della pasta di pistacchio in dispensa!!

    RispondiElimina
  20. bellissime foto, sono qui in ammirazione...
    il ripieno poi è una piacevolissima sorpresa!
    bravissima

    RispondiElimina
  21. che ghiottoneria, ne avanza una pallina per me? Bacio e buona settimana
    Kika

    RispondiElimina
  22. Com'è che si dice? "di necessità virtu'" e tu la virtu' c'è l'hai davvero di riuscire a fare delle cose fantastiche anche se non hai tutti gli ingredienti necessari :))
    ..e poi brava!!! mai mollare ;)
    un bacione e buon inizio settimana..

    RispondiElimina
  23. Ele ammazza che hai creato!!! Sei stata bravissima.. Io ho una ricetta salvata..ma non riesco a lanciarmi nella sua realizzazione..purca pupattola!!!! smack e buon lunedì!!! :-)

    RispondiElimina
  24. un danubio davvero particolare, ma ha una pasta di pistacchio davvero eccezionale. Complimenti per la fantasdtica ricetta. Un saluto

    RispondiElimina
  25. Complimenti è uno dei danubio più golosi e ben fatti mai visti! bravissima!
    Sei invitata ufficialmente a partecipare al mio primo contest!!!
    Un bacione!
    Dada ^.^
    http://lericettedellamorevero.blogspot.com/2011/03/cosa-sforno-oggi-primo-contest-delle.html

    RispondiElimina
  26. Che Danubio spettacolare!! poi a me piace tantissimo il pistacchio!

    RispondiElimina
  27. originalissimo!!ed io che amo il pistacchio non posso che provarlo!!!

    RispondiElimina
  28. non ho mai provato a fare il danubio anche se ogni volta che ne vedo una foto comincio a sbavare sui tasti e non è bello...
    chissà come deve essere con la crema di pistacchi.. bisognerà provare!!

    RispondiElimina
  29. Già...ma quando sarà una terra di latte e miele..Ti auguro di cuore che si avveri tutto come è stato detto :-)
    Intanto proverò anche io a fare questo danubio, mi hai invogliato!
    Ciao:-)
    CInzia

    RispondiElimina
  30. volevo mandarti una ricetta x il tuo contest ma ho scritto 2 volte il commento e non lo ha preso :-(...
    c'e' qualche altro modo in cui posso fare?
    cioa ciao :-)

    RispondiElimina
  31. sorry sorry ci sono tutti e due ma nascosti xchè sono molti commenti... :-|
    magari buttane via uno se puoi... grazie e ciao :-)

    RispondiElimina
  32. Uhhh, che meraviglia!! il ripieno mette acquolina!!!Bravissima eleonora!! se fosse lì addenterei subito una pallina hi hi

    RispondiElimina
  33. Queste notti insonni,le conosco bene e le tue, gioia mia ti hanno dato un'ispirazione unica!Sei stata testarda e il risultato è eccellente..in bocca al lupo cara!

    RispondiElimina
  34. Ciao cara!! Un danubio perfetto e farcito così, è una vera delizia!! Bravissima!! Un bacione.

    RispondiElimina
  35. Ma è bellissimo (e sicuro pure buonissimo!). Levo l'olio di semi di vinaccioli (forbidden ;)) e magari metto quello d'arachidi. Il grasso d'oca lo uso spessissimo e lo trovo un validissimo sostituto ai grassi animali e poi è pure un fantastico espettorante, frizionato sul petto a piccole dosi... E che D-o benedica Eretz Israel!
    Bacissimi

    RispondiElimina
  36. belloooo questo danubio pistacchioso!

    RispondiElimina
  37. La stella fatta di danubio e pistacchio, che meraviglia!!
    La terra di latte miele te ne sarà grata ;)

    RispondiElimina
  38. una meraviglia al pistacchio! e morbidissimo! per fortuna che hai provato :-D

    RispondiElimina
  39. Sarà veramente dura questo mese...ottimo anche il tuo di Danubio, sono spiazzato già dalle prime ricette. Bella idea su FB, baci e alla prossima.

    RispondiElimina
  40. Mamma mia che bontà hai sfornato!! sei unica!!
    un bacione cara
    Anna

    RispondiElimina
  41. Bravissima.praticamente perfetto.
    Mi attira molto quel ripieno.
    Complimenti
    Un bacione Fausta

    RispondiElimina
  42. che dire?
    perfetto si, un danubio in piena regola ma con un cuore sorprendente!
    Buono, cosa darei per assaggiare quel cuore dolce e morbido al pistacchio.....sono sicura che lo adorerei
    Bravissima
    Un bacione

    RispondiElimina
  43. Tu sei geniale! Un Danubio con crema di pistacchi non l'avevo mai sentito....buonoooooo!
    Effettivamente, la tenacia ti ha premiato. Le ispirazioni, a volte le abbiamo dinanzi agli occhi ma non riusciamo a coglierle, tu ci sei riuscita....non avevo dubbi! ;-)
    Baci baci
    p.s. se io volessi rifare il tuo danubio, mi sa che dovrei fare una capatina da te, in francia, per comprare l'olio di semi di uva....mai visto qui da me! :-)

    RispondiElimina
  44. Chissà quanto è buono!!! complimenti!

    RispondiElimina
  45. allora ce l'hai fatta!! ma brava ele.. io ho mollato fin da subito, non ne avrei neanche il tempo materiale per mettermi a impastare.. figuriamoci quello di pensare come farlo!! il tuo con latte, miele e pistacchi è davvero speciale.. e bellissima la stella di david!! bravaaaaaaaa

    RispondiElimina
  46. Tu sei una specie rara da proteggere! è divino!

    RispondiElimina
  47. :-O
    Non ho parole!!!! Quella pasta verdissima che riempie il tuo danubio...... *_*
    Schizza immediatamente in cima alla mia lista del da-fare!!!!

    RispondiElimina
  48. fantastico anche questo! visto la vedevi una cosa impossibile invece ce l'hai fatta! chissà se ci riuscirò anche io... :)

    RispondiElimina
  49. come al solito sei sempre originale nelle tue ricette, ti adoro proprio per questo! il ripieno in perfetto stile!
    bella l'idea della stella di Davide

    RispondiElimina
  50. Sei da applausi, che dico, ovazioni; di più Standing Ovation

    RispondiElimina
  51. E tu volevi privarci di questa meraviglia????? Super l'idea del pistacchio =)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  52. Questa ricetta mi suggerisce pace, e l'amore necessario per prepararla: sei stata bravissima.
    Da gustare ad occhi chiusi.

    RispondiElimina
  53. Mamma che delizia! Io adoro i pistacchi e in casa ne ho parecchi barattoli! Una volta ci ho fatto anche la torta di rose, ora proverò anche il tuo danubio :)
    Complimenti!

    RispondiElimina
  54. Mi piace moltissimo il pistacchio, questa versione non può essere che buona, bravissima! Baci

    RispondiElimina
  55. meraviglioso!!! io poi che adoro il pistacchio mi ci tufferei a capofitto! per la forma e il suo significato...che te lo dico affà...ne abbiamo già parlato:)
    bacetti
    dida

    RispondiElimina
  56. Senza manitoba e senza strutto, questo danubio?!Se non ce lo dicevi, mica ce ne saremmo mai accorte!!!E' perfetto e la forma bellissima anche perchè piena di significato! Meno male che la notte ha portato consiglio! Un bacione

    RispondiElimina
  57. appena puoi passa da me...c'è una cosina per te!
    http://laricettadellafelicita.blogspot.com/2011/03/un-premio-per-10-persone-speciali.html

    RispondiElimina
  58. SPETTACOLARE!!!!!!
    Non dico altro..sei troppo brava tesoro!!!;-)
    Un bacione*

    RispondiElimina
  59. e...come commentare?parto dalla stella,non una qualunque...la stella di David.con il suo carico di storia,un simbolo per non dimenticare.Passando per la citazione biblica che si commenta da se... e le foto?meravigliose.bravissima eleonora...un solo rammarico...se non avessi avuto tutti i contrattempi che sai,la pasta di pistacchio che hai meritatamente vinto con il mio contest,ti avrebbe fatto lavorare un pochino di meno.
    sono contenta di averti conosciuta.blog a parte.
    francesca

    RispondiElimina
  60. bellissimo danubio, la pasta al pistacchio mi incuriosisce molto, ne mangerei a cucchiaiate!

    RispondiElimina
  61. sarebbe stato un peccato mollare... la terra del latte e del miele ti ringrazia del tuo pensiero, brava!

    RispondiElimina
  62. Questa sì che è una versione davvero sorprendente!
    Io ancora non ho avuto modo di pensare al mio primo danubio.....ma di certo lo farò!

    Un abbraccio, Fabi

    RispondiElimina
  63. Due parole soltanto: SEI GRANDE.

    Grande nell'intuizione, nella forma e nel post.
    Meriti di vincere, davvero. :-D

    RispondiElimina
  64. superbe couleur pour ces petites douceurs !!!

    bon vendredi gourmand

    virginie

    RispondiElimina
  65. ... e a me che mi ricorda una tartaruga? Sì, sì, ha forma di tartaruga!
    poi lego il post, vedo la ricetta e gli altri scatti e...mmmm buonooo!!!

    genio!

    RispondiElimina
  66. Buonoooooo!!!Pistacchi for ever! ;) Vevi

    RispondiElimina
  67. Bravissima, belle foto! Mi sono unita ai tuoi lettori perchè hai un blog che mi sono goduta in pieno stasera! grazie.a presto!

    RispondiElimina