lunedì 18 aprile 2011

Gnocchi dolci di farina Matzà...e libertà

Non ci pensiamo quasi mai, la diamo per scontata. Un diritto ormai acquisito, ma come vivremmo senza? Liberà di essere, di dire, di fare, di credre, di scegliere, di dire no.
LIBERTÀ è  ciò che festeggia il popolo ebraico  da questa sera e durante i prossimi otto giorni. Si chiama Pessah il festival della libertà che commemora l'uscita del popolo ebraico dall'Egitto, guidato da Mosé, e la fine della schiavitù.
Durante questo tempo, tutta la casa dev'essere completamente priva di chametz, ossia, di sostanze lievitate o che potrebbero lievitare come pane, pasta, farine, ecc, anche le minime briciole devono sparire.
Eliminare il chametz rappresenta simbolicamente anche rimuovere da noi stessi tutti gli istinti negativi, quelle cose che risiedono dentro di noi, ci incatenano spiritualmente, ci lievitano dentro e marciscono contaminando il nostro spirito. 
Bisogna quindi liberarsene con meticoloso impegno sia in casa, ma soprattutto nel nostro essere, dominato e imprigionato dal' "yetzer ha ra", l'istinto negativo. Questo è il momento perfetto per riflettere e dedicarsi a ripulire fuori e dentro di noi.
E allora saremo liberi davvero, come palloncini colorati che lasciati andare, corrono all'impazzata verso il sole.



QUESTA FOTO HA VINTO IL PRIMO PREMIO 30 MM DEL CONCORSO MT CHALLENDE DI APRILE 2011.



Arcobaleno di Gnocchi dolci  di farina di Matzà
alle fragole, zafferano, pistacchio e violette
con sciroppo di miele e limone

Ingredienti:
250 gr di farina di matzà (pane azzimo macinato)
1 litro di latte
150 gr di zucchero a velo
un pizzico di sale
3 tuorli
30 gr di burro

per quelli viola: 
 10 gr di polvere di violette candite
qualche goccia di colorante per risaltarne il colore (facoltativo)
per quelli gialli:  
5 gr di zafferano
per quelli rossi:  
75 gr di polpa di fragole
per quelli verdi:
80 gr di pistacchio macinato
qualche goccia di colorante per risaltarne il colore (facoltativo)

per lo sciroppo:
175 gr di zucchero
200 ml di acqua
175 ml di miele
il succo di mezzo limone




Far scaldare il latte insieme allo zucchero e al primo bollore, versare piano piano a pioggia la farina mescolando sempre in modo da evitare la formazione di grumi. Continuare sempre a mescolare fino ad ottenere una pasta omogenea che si stacchi dalla pentola. Lontano dal fuoco, aggiungere i tuorli uno per uno, aaspettando l'incorporazione di ogni tuorlo prima di aggungerne un altro.
Dividere la pasta in 4 parti uguali e quindi aggiungere ad ognuna gli ingedienti per ogni colore.
Stendere la pasta con l'aiuto delle mani bagnate su della carta forno e ricavarne dei pezzi rotondi con l'aiuto di un tagliabiscotti o di un bicchiere. Adagiare i pezzi in una teglia o pyrex imburrato. Far fondere i 30 grammi di burro e versarceli sopra. Passare in forno a 180° per una quindicina di minuti.
A parte, mettere a bollire tutti gli ingredienti dello sciroppo. Quando bolle, abbassare il fuoco e far cuocere per una ventina di minuti. Servirlo tiepido per bagnare gli gnocchi.

Nella foto: i raggi del "sole" sono realizzati con buccia di limone e il "prato fiorito" con macedonia di frutta candita.  Lo spago dei palloncini è effettivamente spago da cucina. I coloranti utilizzati sono in infime quantità, marca Wilton, kascher le Pessah.


 Questa è la mia ricetta per


66 commenti:

  1. In questo momento vorrei essere uno di quei palloncini e volare via lontano. Te lo devo dì che sei incredibile tesoro mio? E diciamolo ^__^ Un bacione, buona settimana

    P.S. questo we volevo fare la torta di noci di Pessah ma tanto per cambiare mi sono incasinata! Ma la farò eh!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Io non conoscevo quella commemorazione che hai raccontato e mi commuovo dinanzi a tanta forza di fare certe cose...io non so se mai ci riuscirei, sono negato per i sagrifici, invece ci sarebbe da rifletterci molto. Gli gnocchi? che dire sono extrastraordinari, mi piacciono moltissimo tutti ma soprattutto quelli al pistacchio e alle fragole. Lo sciroppo penso che sia azzeccatissimo...baci e buon inizio di settimana...ciao.

    RispondiElimina
  3. non lo sapevo neppure io...
    bravissima, questi gnocchi sono spettacolari!

    RispondiElimina
  4. La diversità è ricchezza e tu come sempre ci arricchisci con le tue tradizioni e le tue belle idee....

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo proprio questa usanza ebraica...molto simbolica e significativa!!! Buonissimi questi gnocchi coloratissimi...un bacio!!!

    RispondiElimina
  6. Come sono belli questi gnocchi, davvero particolari :)

    RispondiElimina
  7. molto originale complimenti eleonora...molto ma molto carini...
    by lia

    RispondiElimina
  8. Che favola!! Meravigliosi! Hag Pesach sameach a tutti voi! :-**

    RispondiElimina
  9. Bellissima foto e la ricetta è meravigliosa. La descrizione dell'usanza ebraica poi e la sua profondità, fanno venir voglia di cambiare religione...
    un bacio

    RispondiElimina
  10. E' vero, la libertà é tutto ma la diamo sempre per scontata. Bisogna davvero essere felici di avere la libertà di fare quello che si vuole.
    Questo piatto mi mette davvero allegria. Un abbraccio!

    RispondiElimina
  11. bellissima la foto dei palloncini e il significato che racchiude... complimenti!

    RispondiElimina
  12. O perbacco.. ma sei stata bravissima.. fa un noteveole effetto a vedersi!!!! per il significato che ha.. è un lavoro che ognuno di noi dovrebbe fare ogni giorno.. ma non è semrpe facile.. ripulirsi!!! baci buon lunedì .-D

    RispondiElimina
  13. Ele che spettacolo e che allegria sembrano quasi dei macarones...e che dire se nn che quoto ogni tua singola parola!!!bacioni imma

    RispondiElimina
  14. Bella ricetta che racchiude un significato molto nobile.
    Un abbraccio Ele e buona giornata.
    Ciao,Fausta

    RispondiElimina
  15. Sono senza parole, bellissimi! pieni di significato e di poesia, che meraviglia! Un abbracio e a presto!

    RispondiElimina
  16. originali e coloratissimi questi gnocchi! una gioia per gli occhi

    RispondiElimina
  17. Eleonora sono meravigliosi, non li conoscevo assolutamente, ma si possono fare solo con il pane azzimo macinato? non c'è una farina...sono belli....solo per comunicartelo..ho messo un'altra ricetta del ghetto ebraico di Roma ieri non so se la conosci, io l'adoro...baci

    RispondiElimina
  18. Poesia culinaria eccelsa.
    In bocca al lupo per il contest :)

    RispondiElimina
  19. Mi piace questo messaggio di libertà, di ricerca di purezza accostato all'idea di leggerezza di un palloncino colorato...esteso poi alla cucina intendendolo come gnocco, è favoloso!! un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina
  20. che bello scoprire qualcosa di nuovo, la tradizione non la conoscevo. ottima la ricetta. bacio

    RispondiElimina
  21. Tu mi stupisci sempre, sia per le parole che per le ricetta, ti faccio i miei complimenti.

    RispondiElimina
  22. sono meravigliosi!!e tu un pozzo di idee..

    RispondiElimina
  23. Non conoscevo questa tradizione e non conoscevo questi gnocchi dolci. Bellissima la presentazione!

    RispondiElimina
  24. cosa posso dirti, se non grazie?
    Sei riuscita a tradurre in un piatto il messaggio della Pesach, in un modo gioioso e pieno di speranza e di ottimismo. I palloncini colorati, il loro volo, i raggi del sole- tutte cose che trascendono il significato delle parole e vanno dritti al cuore.
    E poi ci sono gli ingredienti, che si sposano benissimo fra di loro, c'è il sapore della primavera, c'è una gran bella ricetta, insomma- e la nostra gioia di averti fra noi all'MTC
    Grazie ancora
    ale

    RispondiElimina
  25. Come la maggior parte dei nostri amici qui su non conoscevo questa usanza. E' proprio un bel modo di celebrarla!
    Ti auguro una felice giornata
    MArcella

    RispondiElimina
  26. Ma che belloooo. Mi piace il tuo blog, sono tra i tuoi follower adesso. Quando hai tempo passa anche tu da me, se ti va, bacio
    www.rivierabrides.com

    RispondiElimina
  27. Bellissimiiiiii!!!!!
    Allegri, colorati, pieni di pace.
    Buona Pesach!

    RispondiElimina
  28. come sempre i tuoi post vanno assaporati con dolcezza e sempre mi ritrovo nelle tue considerazioni.sai che non conoscevo questo tipo di farina?!assolutamente bellissimi!

    RispondiElimina
  29. Sul fatto che siano bellissimi, nessun dubbio. E bellissimo e' il messaggio che questi paloncini portano :-)

    RispondiElimina
  30. Belli questi gnocchi dolci e colorati :)) non conosco queste usanze e tradizioni, ma in qualsiasi caso parlano di libeertà e cio' mi basta ^_^
    bacioni

    RispondiElimina
  31. bELLA QUESTA COMMEMORAZIONE, NON LA CONOSCEVO, MA SAREBBE DAVVERO UTILE ANCHE A ME, LIBERARMI DA CERTE COSE....
    BELLISSIMA LA RICETTA E LA FOTO!!!
    CIAO ELEONORA!
    P.S. ORA VADO A VEDERE ANCHE LE ALTRE RICETTE, QUA SOTTO, CHE MI SONO PERSA!!

    RispondiElimina
  32. 0____0 sono letteralmente a bocca aperta! ma quanto sono belli questi gnocchi a palloncino! incredibilmente creativo anche il messaggio che hai lanciato sulla libertà e il modo in cui lo hai presentato... stavolta per batterti sarà dura! :)

    RispondiElimina
  33. Bello bello bello, quello che scrivi sulla libertà!
    La foto è graziosissima! Mi piace un sacco! Ora mi sbircio un po' di ricette, sono stata senza linea per un po' :/

    RispondiElimina
  34. Ele, sei proprio uno spettacolo. Che bello imparare usi e tradizioni di altre culture e tu le racconti sempre con poesia.

    RispondiElimina
  35. mi affascinano tantissimo le tradizioni delle altre religione in particolare quella ebraica.... non sapevo per esempio dei lievitati....
    questi gnocchi sono meravigliosi e così colorati davvero molto gioiosi :-) baci

    RispondiElimina
  36. questa ricettissima colorata è piaciuta molto a baby chef che per i coloranti ha un debole!
    credo si cimenterà nell'esecuzione...(sotto l'occhio vigile della mamma!)

    RispondiElimina
  37. che carini questi palloncini!
    da bimbo cresciuto ne sarei molto contento :D
    buona Pesach!

    RispondiElimina
  38. La foto è bellissima con quei palloncini che anelano alla libertà e il significato della festa è così importante! Almeno una volta all'anno dovremo guardare dentro di noi e ripulirci dalle scorie accumulate...
    Ciao e buona serata!

    RispondiElimina
  39. Tesoro mio se questa volta non vinci tu mi ritiro per protesta.
    Sei supermegabrava!

    RispondiElimina
  40. Ele..... sei speciale!!!Baci..e buone pulizie di Pessah!!!

    RispondiElimina
  41. Ricetta coloratissima e originale.
    Sarebbe perfetta per partecipare al mio contest "Mangiare con gli occho: decoriamo con frutta e verdura".
    Partecipa anche tu se ti va!!

    www.lapappalpomodoro.com

    Ciao Silvia

    RispondiElimina
  42. *_*






    Tu sei una persona meravigliosa !!!

    RispondiElimina
  43. quanto sono poetici...non ho mai pensato che gli gnocchi di semolino potessero esserlo. Ma tu riesci a fare pure questo...
    Un bacione

    RispondiElimina
  44. Come sempre passare da te è un paicere, post mai banali e ricette che fan brillare gli occhi.
    Un forte abbraccio

    RispondiElimina
  45. adoro questa tua presentazione..prima o poi ci metteranno tutte su un libro di storia dell'arte chiamandoci "le avanguardie del food-photography" bravissima che bella idea!!

    RispondiElimina
  46. allegri divertenti e gustosi...

    RispondiElimina
  47. una ricetta che ha un sapore antico, quello della tradizione. Grazie per il tuo racconto che mi ha portato nel mondo a me sconosciuto della cultura ebraica
    un bacione
    (p.s. guarda che negli ingredienti non hai indicato le uova)

    RispondiElimina
  48. wow...ma che ricetta straordinaria e originale....e che colori meravigliosi....sono a bocca aperta!!!!
    Complimenti!!!!

    RispondiElimina
  49. Sono semplicemente fantastici, sei una maga in cucina!!!

    XXX
    A.

    RispondiElimina
  50. che delizia di racconto e di composizione!! Avevo pensato anch'io di colorare gli gnocchi mannaggia!!!
    Ciao
    Cris

    RispondiElimina
  51. tu sei una poetessa, molto di più di una foodblogger. mi sembra di conoscerti da sempre, in tutti i tuoi tratti, quelli più decisi e forti, quelli più delicati, e quelli sempre profondi, come tu sai essere in ogni momento, senza sforzarti.

    RispondiElimina
  52. Sono tanto tanto belli e quanti colori!!! La voglia di primavera, caldo, mare... questa ricettà porta la felicità!

    Irina

    RispondiElimina
  53. Interessantissime le informazioni sulle tradizioni ebraiche di questo periodo, che comunque al di là della religione dovrebbero farci riflettere tutti!!!
    La rappresentazione della libertà attraverso quei meravigliosi gnocchi dolci colorati non poteva essere migliore!!!
    Baci, baci

    RispondiElimina
  54. super meraviglia!!!questi gnocchi dolci colorati sono così belli che non sembrano veri!!

    RispondiElimina
  55. Grazie per farci conoscere la religione ebraica, sono sempre assetata di queste informazioni...e per la ricetta, che dire sei veramente geniale!!!!

    RispondiElimina
  56. ma sono bellissiimmiiiiii e vorrei aggrapparmi ad uno di quelli :D ma sono fantastici, ma sei brasivvima... e sono simpaticissimi.. e poi anche buoni buoni :D

    RispondiElimina
  57. per me,i palloncini che volano incontro al sole,le farfalle libere e colorate,hanno un significato importante...arrivano su su,in alto,dove le più candide delle anime,possono toccarle.
    grazie eleonora.io conosco questa usanza ebraica,ma il tuo saperla raccontare,la rende ancor di più speciale.
    grazie,francesca

    RispondiElimina
  58. L'effetto della composizione è delizioso! Grazie per questo prezioso post... così imparo qualcosina sulla cultura ebraica :)

    Un abbraccio Ele :)

    RispondiElimina
  59. che bell'idea..i palloncini sanno proprio di libertà effettivamente!

    RispondiElimina
  60. Ma il tuo e' un capolavoro, complimenti davvero!

    RispondiElimina
  61. quanta fantasia in queste foto! :) bravissima!

    RispondiElimina
  62. Nessuno, come te, sa dare spiegazioni alle tradizione e farle sembrare poesia, anche culinariamente!

    besos

    RispondiElimina
  63. mi sono innamorata dei tuoi gnocchi, bellissima e originale la ricetta e la presentazione...mi sono piacuti talmente tanto che ho aggiunto il link alla tua ricetta nel post con la mia versione. In bocca al lupo!
    p.s. e che bella scoperta il tuo blog! Buona serata!

    RispondiElimina