venerdì 3 giugno 2011

Torta al rabarbaro senza burro e senza olio...e la donna dai capelli rossi



Aveva i capelli rossi e vivaci e un'anima trasparente come l'acqua del ruscello che scorreva poco distante dalla sua casa. Nel villaggio era evitata per il suo aspetto miserioso e per quell'aurea magica che l'avvolgeva e che, avvicinandosi, si poteva quasi toccare.
Si aggirava spesso per i campi e le sue lacrime al mattino si confondevano con le goccie di rugiada, al bagliore dei primi raggi del sole, che infuocavano i suoi capelli, rivelando la sua presenza anche al viaggiatore più distratto e lontano.
Aveva un passato intenso ma una scia di tristezza la seguiva irrimediabilmente ad ogni suo passo, accompagnandola nella sua solitudine che come la nebbia all'alba, l'avvolgeva come una coperta che non riscalda.
La donna dai capelli rossi, solitaria e silenziosa, si recava nei campi tutti i giorni, a passo lento e scalzo, silenziosa come l'alba, a curare le piante, innaffiarle di zucchero e miele, quasi a voler addolcire anche la sua vita, attraverso le loro radici. Ma non ci sarebbe mai riuscita e il tempo era inesorabile con i suoi ritmi e il suo passaggio, quasi come una frustata, che più che alla pelle, faceva male al cuore. E di tempo lei lo sapeva, ne rimaneva ben poco.
L'arrivo della morte, con la sua inevitabile falce e il lungo vestito nero, è a volte un sollievo per chi soffre. Lei l'aspettava tutti i giorni, guardando impaziente dalla finestra, con le stesse farfalle nello stomaco e l'emozione in gola di chi attende un amore.
La sorprese nei suoi amati campi, un giorno di maggio, fra il grano ancora verde. 
Proprio in quel punto, la terra assorbì tutta l'amarezza di quella vita che concludeva e il dolce sollievo dela fine. Dolce e amaro si versarono nel terreno, dove lei cadde, sparpagliando i suoi capelli in disordine.
Ancora oggi, proprio lì, in mezzo a quel campo di grano che è verde in primavera, cresce immensa, rigogliosa e rossa, una pianta di rabarbaro.


 Torta al rabarbaro, senza burro e senza olio

Ingredienti per una torta di 23 cm di diametro:

500 gr di rabarbaro
200 gr di zucchero
4 uova
160 gr di farina
5 gr di lievito
2 cucchiai di zucchero vanigiato
2 cucchiai di zucchero a velo




Sbucciare il rabarbaro e togliere tutta la parte rossa e fibrosa, tagliarlo a pezzi di circa 2 cm e metterlo nell'acqua bollente per due minuti, colarlo e lasciar raffreddare.
Accendere il forno a 210° C. In una terrina a bagno maria, sbattere le uova con lo zucchero fino ad ottenere un impasto spumoso e chiaro e continuare a sbattere fino a che abbia raddoppiato il suo volume. Ritirare dal fuoco e aggiungerci la farina setacciata e il lievito. Versarlo nello stampo precedentemente ben imburrato e infarinato e disporci sopra il pezzi di rabarbaro. Spolverare di zucchero vanigliato e infornare per 35 minuti. Far raffreddare e spolverare di zucchero a velo.




Note: potete sostituire il rabarbaro, che so che non è facile da trovare in Italia, con altra frutta di stagione come fragole, albicocche, pesche, ecc.
Non vi preocupate dell'assenza di grassi aggiunti nell'impasto, vi assicuro che la torta verrà sofficissima, più di quanto possiate immaginare e in più, leggerissima!
parola di foodblogger!

65 commenti:

  1. che buona!!faccio ancora in tempo per colazione!!!

    RispondiElimina
  2. Non so nemmeno che forma abbia il rabarbaro ;-)
    ma la storia mi è piaciuta, anche se un po' triste.....
    La torta però mi piace di più, ora l'assaggio...

    RispondiElimina
  3. buono il rabarbaro, in Italia si trova a fatica....ottimo questo dolce senza burro e senza olio, da provare assolutamente
    baci

    RispondiElimina
  4. Che racconto dolce e triste allo stesso tempo...però bello.
    La torta la proverò con le fragole o ciliegie (?) perché il rabarbaro è davvero impossibile da trovare.
    Ciao :).

    RispondiElimina
  5. Una bella storia... triste... non la conoscevo!
    Questa torta ha un aspetto magnifico anche se qui penso sia difficile trovare il rabarbaro.
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  6. Ogni tuo post Ele e poesia e nonostante la storia sia un po triste io la trovo meravigliosamente poetica come la torta fantastica che ci posti oggi!!!!Il rabarbaro i fruttivendoli di Napoli secondo me nn sanno nemmeno che cose'è quindi ho poche speranza di trovarlo e provare questa delizia!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  7. Che storia triste, cara Ele!
    Dolceamara come il rabarbaro...
    Ma tu trovi sempre uno spiraglio di sole ed ecco che da una fine nasce un inizio splendente e rigoglioso!
    Brava, che questo sole e questo slancio vitale ti accompagnino sempre!

    RispondiElimina
  8. Con i lacrimoni agli occhi prendo una fetta di torta e ti schiocco un baciotto! Buon we tesoro

    P.S. la tua storia di oggi mi ha ricordato la mia nonna!

    RispondiElimina
  9. Ora so che fare della piantina di rabarbaro che ho in giardino. Quando racconti queste storie ti .... adoro.
    Bacioni

    RispondiElimina
  10. mia nonna un tempo aveva il rabarbaro nell'orto e ci faceva delle ottime marmellate fragole e rabarbaro!
    buona questa torta e il racconto è davvero evocativo..;)

    RispondiElimina
  11. Che dire, non riesco a commentare, queste storie mi commuovono na cifra...eheheh, purtroppo si!!!...la torta? beh, veramente un peccato non abitare vicino a te!!! Baci...-?

    RispondiElimina
  12. Questa torta mi sa di casa, di una famiglia che fa merenda o colazione in una calda cucina quasi estiva.
    Ho letto ora che parti per il Marocco, che bell'esperienza. Un bacione!

    RispondiElimina
  13. ciao, non ho mai assaggiato il rabarbaro se non nelle caramelle e quando una volta lo vidi al market, non lo presi e me ne pentii... infatti la tua torta ci starebbe benissimo anche nella mia cucina, speriamo di ritrovarlo... baci

    RispondiElimina
  14. Fotunatissima!!! Dalle mie parti non sanno nemmeno cosa sia il rabarbaro! Un abbraccio e buon fine setttimana

    RispondiElimina
  15. Non lo trovo effettivamente quindi proverò con le fragole perchè la torta è di quelle che fà per me. Pochi grassi tanto gusto :)

    RispondiElimina
  16. bella storia! adesso vado dal mio verduraio-pusher e gli ordino il rabarbaro...

    RispondiElimina
  17. rabarbaro off limits (nn so proprio dove trovarlo) mi accontento di guardare la tua tortina... yum!

    RispondiElimina
  18. Una triste poesia per una torta forse non troppo dolce... grazie e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  19. deve essere squisita, complimenti!

    RispondiElimina
  20. tesoro inutile dirti che adoro le tue storie (dopo ieri poi!!!... quella la rileggerò ogni tanto) e la torta è una delizia, l'unica cosa è che qui si trova molto poco il rabarbaro, Roma sembra una città che ha tutto, invece...baci

    RispondiElimina
  21. Che storia intensa e affascinante Ele... un bacione!

    RispondiElimina
  22. Che bella storia anche se un pò triste.. però non lo è la tua torta!!!! :-DDD sai che non so che sapore abbia il rabarbaro!!! eheheheh baci e buon w.e. :-D

    RispondiElimina
  23. non ho mai mangiato "qualcosa" al rabarbaro!
    mi hai resa estremamente curiosa!!!

    ma dove si compra?

    ciao
    :-)

    RispondiElimina
  24. Eccola la torta al rabarbaro! Senza burro o olio? Sembra soffice davvero.
    Bella anche la storia :-).

    Ciao e buon weekend
    Alessandra

    RispondiElimina
  25. per me il rabarbaro è abbastanza introvabile!!!senza burro e olio è il massimo!

    RispondiElimina
  26. Che bella storia, seppur triste...ma vogliamo parlare della torta!? Senza burro o olio?! E con il rabarbaro?! Ma è fantastica! Ed è pure light! Motivo in più per farla...se e quando riuscirò a trovare questo benedetto rabarbaro! :-(

    RispondiElimina
  27. Che poesia.....mi sono venuti i brividi....una storia triste ma bellissima!!
    E anche la ricetta....come sempre!! Ciao, un mega bacio

    RispondiElimina
  28. leggera, soffice, profumatissima...

    RispondiElimina
  29. tu mi incanti sempre quando ti leggo!!! la torta è da provare sicuramente con altra frutta, infatti qui il rabarbaro non sanno neppure cosa sia... un bacione cara a te e alla tua deliziosa tribù .. ELY

    RispondiElimina
  30. molto toccante la storia della signora con i capelli rossi.
    splendida la torta!

    RispondiElimina
  31. Carissimo/a
    Sto aggiornando l’elenco dei food blog italiani
    Mi piacerebbe sapere:
    In che anno hai aperto il blog
    Possibilmente la tua città e provincia.

    Grazie
    Puoi comunicarmelo al seguente link (se vuoi)

    http://griglia-e-pestello.blogspot.com/p/food-blog-italiani.html


    sergio.

    RispondiElimina
  32. La tua storria e molto bella, e le foto sono superlative.

    a presto

    RispondiElimina
  33. la storia è meravigliosa, mi sono commossa! Mi è piaciuta molto la visione dei capelli rossi sparpagliati al suolo che si trasformano in rabarbaro. Devo provare la tua ricetta, senza burro e olio mi incuriosisce ancora di più! un bacione :)

    RispondiElimina
  34. Se me la fai senza glutine e me la porti, finalmente saprò che sapore ha sto rabarbaro!!!!!
    La storia invece, pura poesia....:)

    RispondiElimina
  35. Bellissima storia e splendida torta!! Bravissima cara! Un bacione e buon week end.

    RispondiElimina
  36. Da oggi guarderò il rabarbaro (quando lo trovo in vacanza) con occhi diversi sia per la tua storia ricca di poesia sia per questa ricetta che vorrei tanto provare. ;)
    Propongo di iniziare a importare il rabarbaro nel centro Italia! ò_ò

    RispondiElimina
  37. Che bella la storia di questa donna dolce e amara ..proprio come il rabarbaro che qui si trova ma che fino ad oggi non ho mai avuto il coraggio di acquistare..questa torta fa al caso mio perchè finalmente posso provare a utilizzare il rabarbaro e poi non contiene grassi ;)))
    sei sempre bravissima ^_^

    RispondiElimina
  38. qual meraviglia!!!! purtroppo è vero, il rabarbaro fresco in italia è quasi impossibile da trovare.. personalmente, non l'ho mai trovato da nessuna parte! la prima volta che l'ho visto dal vero è stata l'anno scorso in germania, dove in ogni mercato ce n'è a iosa! ottima torta, veramnete leggera e dal gusto unico!

    RispondiElimina
  39. Che sapore ha il rabarbaro?? Non ne ho idea ma sono sicura che questa è buonissima!L'hai fatta tu, e come deve essere? Un bacio stella!

    RispondiElimina
  40. Bellissimo racconto e la torta è fantastica , peccato che non ho mai visto il rabarbero leggerissima
    Bravissima Eleonora un bacione Anna

    RispondiElimina
  41. ingrediente me sconosciuto, mi hai fatto venire una certa curiosità...

    RispondiElimina
  42. Non ho mai fatto una torta senza olio o burro (io uso più che altro il primo), quindi sono curiosa di provarla, anche perchè la tua fa venire l'acquolina in bocca *O*!!
    E grazie mille per i complimenti per il blog, sei gentilissima ^__^...anche se me li merito solo in parte, dovrei ringraziare Blogger per i suoi layout eheh XD (di html non ci capisco una fischia ^^''!!) A presto ;)!

    RispondiElimina
  43. Dubito di riuscire a trovare il rabarbaro, ma la proverò sicuramente, visto che devo limitare i latticini sono sempre alla ricerca di dolci senza burro! Questa deve essere davvero golosa!
    Grazie.

    RispondiElimina
  44. Rabarbaro raro come le donne coi capelli rossi da queste parti...ma la torta senza grassi s´ha da provare !! Un abbraccio, Simonetta

    RispondiElimina
  45. Sembra impossibile che sia così soffice senza grassi! Peccato che il rabarbaro non si trovi dalle mie parti, proverò con qualche altro tipo di frutta. Complimenti! Baciotti Helga e Magali

    RispondiElimina
  46. Ma che è sto rabarbaro???? O_____O
    Stupendo il racconto Ele....talvolta la fine è la cura di un viaggio assai triste . Quanto alla torta che dire...senza grassi e ricca in frutta, una vera bontà di genuinità. Un bacio, Ale.

    RispondiElimina
  47. Non ho mai utilizzato il rabarbaro, ma questa torta mi intriga moltissimo!!
    Bello il racconto ^_^
    baci e buon we

    RispondiElimina
  48. io ho trovato il rabarbaro fresco una volta, a Roma, dico dove così le romane sanno dove andare, piazza Mazzini, via Oslavia, in una di quelle traverse non ricordo bene quale, c'è un mercatino all'aperto, ecco lì ho trovato, tutto insieme, il rabarbaro e le taccole, una gran botta di fortuna, ma aveva anche altre cose....ho fatto questa comunicazione così qualcuno se vuole ci prova, è molto buono, ma ha questo difetto: introvabile...baci carissima (scusa se ti ho usato come un manifesto per avvisare la popolazione!!!)

    RispondiElimina
  49. Struggente...
    Bellissima la torta, ma il rabarbaro non so dove trovarlo..

    RispondiElimina
  50. triste e delicata la storia e deliziosa la torta! Buon we Eleonora, a presto!

    RispondiElimina
  51. sulla torta mi fido ciecamente anche se il rabarbaro qui da noi non si trova manco a pagarlo oro! :)
    cmq dovresti fare la scrittrice!
    un abbraccio e buon we!

    RispondiElimina
  52. non ho mai assaggiato il rabarbaro, mi incuriosisce molto la tua torta, vorrei scoprirne il sapore.
    la storia è molto bella anche se un po'triste!
    buon week end

    RispondiElimina
  53. bellissimo questo post, davvero emozionante... mi dovrò decidere inoltre a prendere il rabarbaro!

    RispondiElimina
  54. Io faccio invece i complimenti alla ricetta.... sento proprio in bocca il gusto acidulo del rabarbaro (che qui non manca i nessun giardino che si rispetti).
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  55. Stupendo post, e ottima ricetta, sei un mito!

    RispondiElimina
  56. Non potendo reperire il rabarbaro la proverò con altra frutta, si vede che è soffice.
    A presto!

    RispondiElimina
  57. Che post dolceamaro! :) Io adoro il rabarbaro, cresceva rigoglioso sotto la finestra di mia nonna, ma qua non sono mai riuscita a trovarlo! Ne puoi preparare delle torte e ciambelle eccezionali, come mostra la tua ricetta! Buona domenica, un bacione! :)

    RispondiElimina
  58. Sembra morbidissima e bella umida =)

    RispondiElimina
  59. Leggera e goduriosa questa tortina..complimenti Bella!!!;-))
    Buona serata bacione*

    RispondiElimina
  60. Davvero leggera, morbidissima e super golosa.
    Praticamente perfetta.Peccato non si possa assaggiarla.
    Un abbraccio e buona serata.

    RispondiElimina
  61. Bagnata con due lacrime è la torta più dolce che abbia mai visto.Grazie.

    RispondiElimina
  62. Adoro il rabarbaro! E poi in una torta così leggera diventa ancora più irresistibile.
    GNAM!

    RispondiElimina
  63. Coucou adorable Eléonora...toujours de belles recettes...Ah, j'ai mis de côté ta crème brulée avec les fraises tagada..J'ai acheté les fraises, mais pas encore eu le temps de la faire...C'est bien de la crème liquide qu'il faut ???? Bonne semaine et à bientôt !

    RispondiElimina
  64. Non ho i capelli rossi ma mi sembra la mia storia.....il rabarbaro ce l'ho, oggi la faccio..davvero e ti informerò....

    RispondiElimina
  65. Grazie per le storie bellissime che ci lasci ogni volta! Non conosco il rabarbaro, ma mi hai incuriosito un sacco! Baci

    RispondiElimina