lunedì 19 settembre 2011

Macedonia a tre colori, con sciroppo al the verde e mousse di menta fresca, con i sapori del Marocco






Devo ammetterlo pubblicamente.
Tre settimane fa, quando finalmente ci hanno messo il collegamento a Internet, la prima cosa che ho fatto, ancor prima della posta, è stata andare a controllare la ricetta della sfida di settembre su Menù Turistico.  Devo anche ammettere che sono rimasta un attimo scioccata dalla foto che accompagnava il post. Una macedonia per me è rappresentata da minuscoli pezzetti di frutta a volta neanche riconoscibili, che nuotano nel loro succo zuccherato. Un po' la stessa zuppa di cui parlava l'Araba, nel suo post.
Insomma, forse non serve neanche dirlo, ma, la macedonia non è esattamente il mio dessert preferito né per farla, né mangiarla... a meno che non sia solo di fragole, con limone e semi di papavero e una spruzzatina di... no no no, quella è un'altra storia, e poi, le fragole non sono neanche di stagione, e qui, non si trova nulla che non sia di stagione. 
Per carità, amo la frutta, ma mi piace la sensazione di sbucciarla, addentarla, masticarla, un frutto alla volta.
Macedonia quindi... e che macedonia sia, ma non aspettatevi da me, tagli ed intagli, perchè qui la maestra di evidentissimo talento e bravura, è solo Fabiana, io, e devo ancora ammettere qualcosa, non so tagliare neanche un quadrato dritto su carta, con delle forbici normali. E ho detto tutto.
Insomma, la sfida di settembre è stata per me davvero una sfida con me stessa di concepire, realizzare e mangiare qualcosa che non amo ma che però, sinceramente, non avevo mai provato a trasformare in un dessert vero e proprio.
Quindi, messi in moto i neuroni, o i criceti come dice qualcuno, ho cominciato a figurarmi la macedonia vista come dessert e non come piscina di pezzetti di frutta. Volevo fare qualcosa di stagionale, ma di locale, vivendo adesso in un paese che offre mille meraviglie dalla sua terra.
La prima idea è stata "famolo strano". Insomma avrei potuto usare questi:


Zuzuf, frutto di una palma, simile al dattero


o questo:

Kiwano, frutto della famiglia del cetriolo

Ma poi mi son detta che magari con quei frutti li, nessuno -o quasi- avrebbe potuto riprodurre la mia macedonia, nel caso fossero arivati sulle sponde di Burro e Miele. E allora, "famolo normale".
Quindi, melone giallo e anguria sono i frutti pù abbondanti nei mercati, prodotti nei campi non lontano da Meknés e venduti a prezzi irrisori. Mancava il terzo frutto, che doveva contrastare in colore, essere di stagione e potersi fare a palline con uno scavino, come avevo deciso di fare con gli altri due. Durante la visita al mercato domenica scorsa, il mio occhio ricade su una bancarella piena di manghi, a differente stato di maturazione. Dovete sapere che qui, nei mercati, chi vende è anche chi coltiva, sempre e invariabilmente. Scopro quindi che sta appena iniziando la stagione dei manghi in queste latitudini, non dovrebbe sorprendermi, del resto in America Centrale il tempo dei manghi era a febbraio, in piena stagione "secca". I manghi si possono tagliare con lo scavino? Decido di sì, senza aver mai provato...e in effetti è stato vero, il mango si può ben fare a palline con lo scavino, ma solo se avete la pazienza di Giobbe. E io l'ho avuta, ma per poco.
Poi, le regole prevedevano un condimento e preferibilmente un accompagnamento: come dare dunque un sapore marocchino alla frutta marocchina? I neuroni si sono inclinati verso il the alla menta, senza dubbio, l'aroma predominante nelle strade, case e caffè, fatto appunto a base di thé verde del tipo Gunpowder, importato dalla Cina in enormi quantità, dove ci si mettono fasci di menta in infusione, il che da vita ad una bevanda dal sapore gradevolissimo. Decido quindi che il the alla menta sarà parte della macedonia per il Menù Turistico Challenge di settembre, ma risolvo con la sua distrutturazione.
Ed ecco qui il risultato finale:


Macedonia a tre colori, 
con sciroppo al thé verde e mousse di menta



Ingredienti:

melone giallo (ne ho usato uno intero)
anguria (ne ho usata la metà)
mango (ne ho usati tre)

per lo sciroppo:
250 ml di acqua
3 cucchiai di zucchero
un cucchiaio colmo di thé verde tipo Gunpowder

per la mousse:
200 ml di panna
2 gr di agar agar
3 cucchiai di miele
2 albumi
una abbondante manciata di foglie di menta fresca

foglie di menta per decorare.




Per prima cosa, lavare la frutta. Aprire il melone e l'anguria e ricavarne delle palline usando uno scavino o semplicemente tagliarli a pezzetti, se andate di fretta. Sbucciare il mango e fare la stessa cosa, questa volta però, armatevi di pazienza, il grosso seme all'interno potrebbe darvi problemi seri.
Per lo sciroppo,  preparate un'infusione con il the, passatelo poi a setaccio per eliminare le foglie e quindi aggiungete lo zucchero, che porterete ad ebollizione fino ad ottenere il punto di sciroppo. Lasciate raffreddare completamente e conditeci poi la frutta.
Per la mousse, portare ad ebollizione la panna conil miele e  la menta, al primo bollore spegnere il fuoco e lasciare le foglie in infusione almeno per 15-20 minuti. Togliere la menta e riportare ad ebollizione. Al primo bollore, diminuire il calore al minimo e aggiungere l'agar agar e far cuocere a fuoco lentissimo per un minuto, lasciar raffreddare. A parte, montare gli albumi a neve e incorporarli delicatamente alla panna. Mettere in frigo la preparazioni fino a che prenda consistenza.
In dei bicchieri, mettere la macedonia condita con lo sciroppo e coronatela di mousse. Qualche foglia di menta rimasta, potrebbe finire la decorazione.




47 commenti:

  1. Ciao Eleonora, come stai? tutto bene con la nuova casa in Marocco?
    Un bacione e brava per questa macedonia 'riproducibile' (il secondo frutto lo trovo qui, ma quelli di palma.... no!

    Alessandra

    RispondiElimina
  2. Originale eppure riproducibile: a me sembra perfetta!

    RispondiElimina
  3. Complimenti Ele... io sto ancora combattendo con la macedonia per l'mtc.... sigh, me tapina!!
    ahahaha
    Un bacione immenso
    Eli

    RispondiElimina
  4. Che frutti particolari... inutile dire che non li avevamo mai visti!
    La tua macedonia ci piace molto, la freschezza ed il profumo della menta sono fantastici con la frutta. Bello anche il gioco di consistenze con la croccantezza della frutta e la morbidezza della mousse!

    RispondiElimina
  5. aiuto, quante cose :-)
    dunque, la prima è un rignraziamento dal profondo del cuore per quello che tu chiami "famolo normale"- perchè non oso immaginare i tormentoni successivi all'impiego di quelle robe bitorzolute che ho visto in foto... come minimo, ti saresti dovuta aprire un ufficetto di import export presso le poste di Meknès :-)
    poi: apprezzo il "famolo normale" e non ti ci mando, senza passare dal via. Ti dico solo che per partorire una roba del genere il mio neurone avrebbe avuto bisogno di scorte di ossigeno direttamente da Lourdes- e sul fatto di realizzarlo, lascio perdere qua, che è meglio :-)
    E ora torno seria e ti dico che ci sei mancata. E che adesso basta traslochi o altre cose, che ti vogliamo qui tutti i mesi, con queste meraviglie di ricette e di post e di pensieri. Capito??? :-)))
    un bacione
    ale

    RispondiElimina
  6. davvero originale.. quei frutti li poi davvero strani... heheeh.. mitiicaa

    RispondiElimina
  7. Apprezzo il "famolo normale" perchè quei frutti buffi e strani mi sa che qua nunsetrovano ....pero' mi incuriosiscono!! E mi incuriosisce anche la mousse di menta...faccio i complimenti ai tuoi neuroni ;))) e ti mando un bacio!

    RispondiElimina
  8. Ciao cara!! Anche se qua da me è ormai tempo di polenta a questa golosissima coppa non ci rinuncerei proprio!! Bravissima! Un bacione.

    RispondiElimina
  9. ehm un tantinello nei guai mi avresti messo con Kiwano e Zuzuf! Che nome curioso, a vederlo nella foto assomiglia alle giuggiole ^__^ E quest'anno me le sono anche perse! Un baciotto bella, buona settimana

    RispondiElimina
  10. mai visti quei frutti....la preferisco normale!!! baci

    RispondiElimina
  11. che bella macedonia...e quei frutti proprio non li conoscevo...mi ispira molto anche la mousse! ;)

    RispondiElimina
  12. Ciao Eleonora ...
    Una vera tentazione ...
    Un saluto dai viaggiatori golosi

    RispondiElimina
  13. Che bello leggere questo post! Tra la frutta del marocco, gli odori che si sentono per le strade, i colori e i prodotti che puoi trovare al mercato mi è venuta voglia di venirti a trovare! E questa macedonia è invitantissima e sono certa che con un dessrt così ti sei convertita alla macedonia a palline anche tu :)! Un bacione

    RispondiElimina
  14. Che meraviglia...questi frutti originali ed insoliti mi fanno davvero una gran gola!

    RispondiElimina
  15. Vorrei tanto vederli e assaggiarli quei frutti marocchini! complimenti per versione "normale" gnammmm

    RispondiElimina
  16. Perplessa ma incuriosita di fronte alla vista di tanta originalità mangereccia (sopratutto per il kiwano)... splendida e "normalemente" appetitosa la tua versione di macedonia ;-)

    RispondiElimina
  17. E invece il kiwano in Sicilia c'è! ... e comunque meno male che l'hai fatta normale! ;)))
    Baciiiii

    RispondiElimina
  18. Ele....eccoti!!!!
    Zuzuf, Kiwano...meno male che sei stata "umana" e ci permetti di replicarti senza viaggi estremi, anche se un giretto in Marocco nel tuo bel "Castello" sarebbe un po' il sogno di tutti...e certamente il mio!
    Miele, menta, té, direi che in ogni caso si respira e si annusa la magia dei luoghi che ti stanno ospitando e a quanto pare conquistando.
    Grazie del tuo prezioso regalo....è davvero apprezzatissimo!!!

    RispondiElimina
  19. che macedonia insolita e particolare :-)

    RispondiElimina
  20. Mamma mia a me sembra proprio buonooo!! L'unico modo in cui mangerei la frutta a pezzi, fragole a parte appunto!
    Brava tesoruccio, brava!

    RispondiElimina
  21. La trovo superlativa Ele e poi con colori e gusti particolari che mi ispirano tantissimo!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  22. Quant'è carino lo zuzuf anche il nome mi prende :)))

    RispondiElimina
  23. sorprendetemente profumata questa macedonia, dolce e suadente come è il paese che ti ospita

    RispondiElimina
  24. Ben trovata e ben riposizionata in Marocco!
    Vedo che la cucina locale ti stà già influenzando...meraviglioso, conosci nuovi sapori, abbinamenti e profumi. Bellissima esperienza culinaria!
    A presto!

    RispondiElimina
  25. mmm...che bontà quel bicchierone. M'intriga quel kiwano, che sapore ha Ele? baci

    RispondiElimina
  26. Brava Ele
    Segnala che se un giorno verrò a trvarti ti chiederò di avere di nuovo la pazienza di Giobbe.
    E' strano ma che simultanea; ho visto il tuo post perché mi sono collegato per postare la mia macedonia.
    Bacioni

    RispondiElimina
  27. Bella e originale questa macedonia :)
    ciao

    RispondiElimina
  28. è molto bella e, sicuramente, molto buona, anche senza intagli..., il kiwano si trova anche qui, ma non l'ho mai comprato, lo proverò...un abbraccio

    RispondiElimina
  29. possiamo dire di aver dato vita ad un gemellaggio oggi, tra Venezia e Meknès. Mi piace questa sintonia di profumi luoghi e reinterpretazioni!!!
    Beata te che puoi farlo da li...io invece devo lavorare di memoria e ricordi ma potrei sempre venirti a trovare :D
    Mi piace questa versione profumata alla menta, in effetti ci sta perfettamente....la voglio provare anch'io!!!! Un bacione Ele!!!!! Smack

    RispondiElimina
  30. Questa sì che è una macedonia particolare! E' così invitante...e che belli quei frutti...qua sono introvabili!!!!

    RispondiElimina
  31. BENTORNATA!
    aspettavo di leggerti da un po' :)
    la tajine me la segno (che bell'inizio!), proprio ieri ho mangiato agnello speziato che adoro, ora lo rifarò anche con i fichi :)
    interessante anche la tua interpretazione di macedonia!
    un abbraccio e buona settimana

    RispondiElimina
  32. alla fine ci sei riuscita, io aspetto la convinzione, baci.

    RispondiElimina
  33. buona questa macedonia...sempre gradita a fine pasto!

    RispondiElimina
  34. ....non penserai mica di vincere tu, vero??? Uffa..io ho già perso.... ahahahahah, bacioni e complimentoni ..le tue ricette sono sempre meravigliose, baci, Flavia

    RispondiElimina
  35. Che meraviglia questa macedonia esotica, sembra di sentire ilprofumo della menta!

    RispondiElimina
  36. Slurp,la menta la metterei un pò ovunque e poi complimenti davvero per l'uso dell'agar-agar, anche a me paice molto ma sono alle prime armi quindi mi copio le dosi.Molto particolare il kiwano...mai visto. Buona serata!

    RispondiElimina
  37. Dev'essere super quella macedonia, la menta mi piace molto in quell'insieme...io ancora sono a zero d'idee...ma !!! baci...ciao.

    RispondiElimina
  38. vedo che ci siamo approcciate alla macedonia allo stesso modo, anche io preferisco addentare la frutta e non tagliuzzarla, e anche io ho pensato alla menta...se non sono affinità queste!! smuack

    RispondiElimina
  39. Cioè Eleonora, fammi capire: tu non ti sei limitata a tagliare la frutta e a scavare il mango con lo scavino, pure il the alla menta hai destrutturato!!! E chi può competere con te??? :-D

    RispondiElimina
  40. Anche io la penso esattamente come te sulla macedonia, ma soprattutto sul mangiare la frutta a morsi!!
    La tua versione è meravigliosa, me ne sono subito innamorata...e il mango poi...lo amo!!

    RispondiElimina
  41. Mi sembra di intuire dai vari post che la macedonia sia stata una bella gatta da pelare per molte di voi :)
    l'abbinamento al thè alla menta mi sa proprio che dia quel tocco in più che rende tutto veramente molto fresco e leggero

    RispondiElimina
  42. Bellissima questa macedonia rivisitata! Con la spuma di tè alla menta è deliziosa!
    Ma sai che i/le zuzuf devono essere le nostre giuggiole? Il loro nome infatti è zizyfus...io ne ho una ciotola piena, in attesa di essere trasformate in marmellata!!

    RispondiElimina
  43. Hai visto che meraviglia!!!
    Anche a me è piaciuta molto la presentazione a strisce dell'Araba Felice... e la tua, con la Mousse di Menta, mi ispira un sacco... si, proprio brava!

    RispondiElimina
  44. una meraviglia nata tanto lontano da casa mia ma così vicina perchè ideata e preparata da te cara Eleonora,in bocca al lupo per la sfida e per tutto quello che la vita può riservarti laggiù...Un abbraccio grande...

    RispondiElimina
  45. Sai Eleonora... tra i miei ricordi più cari,c'è una foto di mio papà,su un cammello. é una foro ingiallita dal tempo, e mi riporta alle mie radici... Dietro quella foto,una scritta.Meknès,18 settembre 1944. Mio papà era solo un ragazzo,bellissimo...
    Vivi in un posto magico,almeno per me...
    scusami se ho divagato.. e complimenti per questa macedonia,così... marocchina e italiana al tempo stesso.
    Un bacio,francesca (zuccherando)

    RispondiElimina
  46. Woow! grande idea la mousse alla menta...questa macedonia ci piace!! :)

    RispondiElimina