martedì 31 gennaio 2012

Harira, la zuppa Marocchina tradizionale del Ramadam



Non c'è piatto che renda di più l'idea di conforto, calore, famiglia riunita e focolare che batte, che una zuppa fumante. Sia in una vecchia pentola su un fuoco a legna o in una zuppiera d'argento posta su una tavola imbandita, la zuppa è parte del patrimonio gastronomico di tutti i paesi e di tutte le genti.
Il Marocco ha saputo trasformare una zuppa in un vero momento di festa e convivialità, oggi voglio parlarvi della Harira.
Molto nutriente, questa zuppa fatta a base primordialmente di ceci, lenticchie e un poco di carne, conosce varianti secondo le regioni e secondo ogni famiglia che la prepara, tuttavia, per i Marocchini, la vera Harira continua ad essere quella de patrimonio gastronomico di Fès, la città imperiale che ha offerto al paese un repertorio di ricette degne della sua fama e dei suoi quattordici secoli di storia culinaria.
Ogni giorno, durante il mese del Ramadam, quando i musulmani digiunano dall'alba al tramonto, l'aroma di questa zuppa invade le strade e ogni casa dove si prepara, ognuno nella sua versione, per essere gustata all'ora del ftur, la rottura del digiuno, annunciata spettacolarmente in coro dai mouzzim di tutti i minareti della città. È l'ora in cui la città si svuota, nessun'anima in giro, tutti si incontrano in famiglia intorno alla tavola riuniti dalla Harira, dopo una giornata di raccoglimento e pensieri che purificano l'anima dei musulmani. Ma è anche un regalo offerto agli sposi, il giorno dopo le nozze, in simbolo di un arrivederci e di augurio di felicità eterna.

Tante maniere di farla, come case che esistono in Marocco. Chi ci aggiunge alla fine una pasta liquida fatta a base di lievito madre e acqua, chi solo farina diluita e chi ci fa cuocere alla fine i doudia, una specie di pasta finissima e corta, simile forse, ma non troppo, ai nostri capellini spezzati.
La Harira è dunque cibo per lo stomaco e per l'anima, sempre accompagnata da datteri, fichi secchi e biscotti al miele confezionati solo in quell'epoca.


Harira Marocchina Tradizionale

Ingredienti per 8-10 persone


500 gr di carne di manzo, tagliata a pezzi piccoli
1 cipolla
250 gr di ceci, messi a bagno la notte prima
100 gr di lenticchie, messe in ammollo la notte prima
100 gr di fave secche, messe in ammollo la notte prima
3-4 costole di sedano affettate
olio extra vergine d'oliva
prezzemolo
coriandolo
1/4 di cavolo bianco, affettato finemente
pepe nero
zenzero in polvere
curcuma in polvere
1 kg di pomodori maturi
100 gr di farina 0 (o farina di riso, per una versione gluten free)
sale




In una pentola, mettere la carne, i legumi, il cavolo e il sedano, le spezie, un poco di olio e sale con acqua fino a coprire e lasciar cuocere a fuoco lento un'ora circa, o fino a che i legumi saranno perfettamente cotti. A parte, sbucciare i pomodori e privarli dei semi, metterli a cuocere con un poco di sale fino a quando saranno quasi disfatti. Passare i pomodori al mixer, ottenendo una crema.
Mischiare la crema di pomodoro ai legumi, aggiungere il prezzemolo e il coriandolo, aggiustare di sale e far cuocere il tutto altre due ore. Alla fine, sciogliere la farina in acqua e gettarla nella zuppa, mischiare bene, per evitare grumi e cuocere ancora durante 10 minuti.


Questa zuppa partecipa alla straordinaria raccolta delle Minestre e zuppe della tradizione delle Strenne:


e, visto che la mia è una versione gluten free, partecipo al Contest di Stefania:



59 commenti:

  1. Zuppa rappresentata davvero sontuosamente...complimenti di cuore!!
    loredana

    RispondiElimina
  2. Bellissima realizzazione, Eleonora.
    E si, come osservavi tempo fa molto diversa da quella che si realizza in Arabia Saudita nello stesso periodo :-)

    RispondiElimina
  3. Non si può dire che tu non sappia come catturare l'attenzione e far lievitare le aspettative!!!!
    Non vedevo l'ora di leggere e....ho fatto bene!
    Questo piatto è davvero molto più ricco ed interessante di come io l'avevo immaginato scopiazzando una ricetta on line, adesso voglio procurarmi subito tutti gli ingredienti, perchè mi sento assolutamente in un momento propizio per provare.

    Grazie Ele.....un bacione!!

    RispondiElimina
  4. Altro post imperdibile! Ogni volta una vera delizia da "incorniciare" :)

    Un abbraccio affettuoso

    RispondiElimina
  5. Una ricetta invitante, piena d'atmosfera. *_*

    RispondiElimina
  6. Questa zuppa è un sogno; un'immagine del mio viaggio in Marocco, il profumo delle spezie, il sapore di quella terra. Il tuo blog è come un teletrasporto che mi permette di viaggiare senza alzarmi dalla sedia. Grazie. Domanda tecnica: ma le spezie come le doso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roberta, le spezie di dosano ad occhio e a gusto. Non posso dare dosi precise.
      :)

      Elimina
  7. Io adoro la cucina marocchina, sarebbe un sogno per me vivere lì come te e mangiare i piatti del posto e scoprirne le origini. Certo che deve essere una bella sofferenza sentire l'odore di questa zuppa durante il digiuno... Un bacione ele

    RispondiElimina
  8. Che bello conoscere abitudini, tradizioni e vite diverse dalle solite.
    Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  9. con il freddo di oggi questa zuppa mi trasmette tutto il calore del Marocco, quanto mi piacerebbe tornarci!!! Mi hai fatto venire voglia di fare stasera ..ho tutto l'occorrente io però elimino la carne, sono vegetariana..ciao

    RispondiElimina
  10. Che meraviglia di zuppa! Rimango sempre molto affascinata da queste preparazioni che attingono ad altre culture, dai sapori speziati e dagli accostamenti per noi inusuali. Mi piace, quanto mi piace!!!

    RispondiElimina
  11. Zuppa e tradizione: mi ricorda qualcosa...ma cosa, accipicchia, cosa? Con te si fa il giro del mondo! Adoro la tua curiosita' e il tuo rispetto per le tradizioni e gli usi di altri popoli. Diversita' e' ricchezza. Un abbraccio dalla gelida, gelida Olanda.

    RispondiElimina
  12. Adoro questi piatti tradizionali e grazie per renderci partecipi di queste belle tradizioni a noi sconosciute :-)

    RispondiElimina
  13. Ecco la zuppa che tanto aspettavo!! Avevo visto la foto su fb e già mi era piaciuta, vedere ora la ricetta intera è solo che una conferma...Un piatto confortevole e delizioso e delle foto bellissime! Un bacio cara...

    RispondiElimina
  14. Ma che bella questa zuppa che sa di Marocco e di calore familiare!
    Fabio

    RispondiElimina
  15. Il cibo che acconta una storia è una delle coccole più belle che ci si può dedicare...mi piace moltissimo questa zuppa! :)

    RispondiElimina
  16. Aspettavo questa meraviglia della cucina marocchina e non posso che ringraziarti per averla pubblicata. Mi pare di sentirne il profumo attraverso lo schermo del PC e non vedo l'ora di sperimentarla... perché stai sicura che la sperimenterò!

    Un bacione!

    RispondiElimina
  17. ogni volta mi fai venire voglia di cibo marocchino... anzi del tuo cibo marocchino!

    RispondiElimina
  18. Ciao Eele cara, come ben sai rimango sempre incantata dalle tue ricette profumate e speziate, questa non fa eccezione,con quei bocconcini di ciccia poi, che te lo dico a fare!!!Con lo stomaco brontolante e lo sguardo estasiato me ne vado a casa a mangiare riso in bianco :( Ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  19. Grazie per averci raccontato la storia e la tradizione di questo piatto, che io non conoscevo.... Dev'essere ottima, molto saporita e speziata... da condividere intorno a una tavola... cosa c'è di meglio??
    Franci

    RispondiElimina
  20. che spettacolo..chissà che buona!!!!

    RispondiElimina
  21. La zuppa è un cibo confortante ... sempre più desueto, forse, perchè va curato, seguito, preparato con pazienza e il tempo, troppo spesso, è tiranno. Forse non ti ho mai "detto" che mi piacciono i tuoi post, perchè hanno un taglio giornalistico, intuizioni e connotazioni che rendono, unitamente, alle tue splendide presentazioni, il tuo blog unico. Baciotti e ronronn Helga e Magali

    RispondiElimina
  22. Leggo coriandolo, legumi, zenzero...un tribudio di profumi e sapori che amo. Bellissima ricetta davvero, grazie per averla proposta...
    simo

    RispondiElimina
  23. Questa zuppa è un trionfo della nuova terra che ti ospita...tutto incantevole e goloso!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  24. i piatti esotici mi incuriosiscono sempre molto, se poi sono presentati così divinamentem i fanno proprio sbavare!!! ;)

    RispondiElimina
  25. SUPERSPEZIATA! NON LA CONOSCEVO QUESTA zuppa! buona buona

    RispondiElimina
  26. Bravissima Ele!! ottima scelta questa zuppa,ti verrei a trovare volentieri ma non per un we, ci starei un mese!! baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che buona!!!!!
      Io la adoro!!!!!
      Questa ricetta l'ho conosciuta grazie alla mia amica archeologa, che quando era a scavare in Siria non mangiava altro, che buona!!!!

      Elimina
  27. Quante cose che apprendo venendoti a trovare nel tuo blog!
    Nel giro delle città imperiali che ho fatto in pochi giorni praticamente mi è rimasto solo il ricordo di quello che hanno visto i miei occhi, cose meravigliose, ma nessuna guida racconta ai turisti la loro vita, le loro abitudini, che peccato!
    Comunque mi viene voglia di provarla, quasi quasi domani ci provo, ti farò sapere, per stasera abbiamo per cena il polpo di Cri :-)

    RispondiElimina
  28. ..oggi siamo in tema di zuppe, e dato che da noi è proprio la giornata perfetta per un comfort di questo genere, direi che si pò anche copiartela, la ricetta :) e poi ho le spezie appena avute in regalo, quindi fresche e frangranti :) brava, la foto è stupenda e il racconto mi ha fatto "essere lì"!

    RispondiElimina
  29. Non conoscevo questa zuppa è affascinante conosce le culture di altri popoli anche attraverso il cibo. Certo che digiunare sentendo il profumo di cibo nell'aria deve essere durissimo.

    RispondiElimina
  30. quante cose belle ci racconti! la foto è un'emozione!

    RispondiElimina
  31. Bellissima presentazione!
    Ed è vero, l'Harira cambia a seconda del luogo, questa per esempio è diversa da quella tunisina che conoscevo io, e questo la rende ancora più interessante!
    Me la salvo ;-)

    RispondiElimina
  32. ho letto tutto bene...dovrei poterla fare, devo andare a comperare la curcuma...e poi ci sono!!! Ti farò sapere che combino:P

    RispondiElimina
  33. Perfetta, con tutti quei favolosi legumi e i profumi delle spezie.....mi sembra quasi di sentirli!!!
    E la foto è davvero bella....ciao, un grande abbraccio!!

    RispondiElimina
  34. che foto strepitosa, vien voglia di allungare la mano.

    RispondiElimina
  35. Tu sai quanto io apprezzi post come questo...che ti fanno andare in giro per il mondo attraverso immagini di sapori e odori di altri luoghi...grazie davvero! Poi questa zuppa non la conoscevo e nemmeno il suo significato. E' curiosa una zuppa con la carne. Ma quindi la carne non si rosola praticamente? bacio e buona giornata, tvb!

    RispondiElimina
  36. CIAO CARA FAI PARTE DEI MIEI AMICI BLOGGER SE TI FA' PIACERE VOLEVO INVITARTI AL MIO PRIMO CONTEST
    http://imparandocucinando.blogspot.com/2012/02/il-mio-primo-contest-piovono-polpette.html
    A PRESTO!!!!

    RispondiElimina
  37. Quanto è bello conoscere usi costumi e culture di paesi diversi! Sempre dei bei post e bellissimi! baci

    RispondiElimina
  38. "La Harira è dunque cibo per lo stomaco e per l'anima"
    Sai che con il tuo post hai rinfrancato l'anima di tutti noi? ^_^ le foto ne raccontano meraviglie, baci
    Tiziana

    RispondiElimina
  39. Il mondo è bello perche è vario!
    Eleonora, questa zuppa sà di delizia, le cotture lunghe dove la carne si scioglie da sola insieme agli altri ingredienti, sono un libidine!
    Copiata! Grazie e besitos!

    RispondiElimina
  40. Eleonora grazie per questa ricetta favolosa....e per le tue parole che rendono i tuoi post sempre fantastici. Ho una voglia pazzesca di vedere questi posti....ciaoooo!!!

    RispondiElimina
  41. Finalmente riesco a lasciarti un commento! Le zuppe mi sono sempre piaciute, questa poi racchiude sapori che amo come i legumi, il cavolo e le spezie.In questi giorni freddissimi nella mia Milano innevata, è più che un confort food.... è sopravvivenza. Unica cosa che mi lascia perplessa è l'abbinamento con la frutta secca (datteri-fichi) non avrei mai pensato ad un tale abbinamento... Se riesco a trovare tutti gli ingredienti, la provo una di queste sere. Ho giusto giusto dei datteri Medjool di scorta...
    Buona serata Nora

    RispondiElimina
  42. opps mi sono dimenticata di dirti che la foto che incornicia il tuo post è perfetta per trasmettere tutto il calore della zuppa e ... della tradizione
    Notte
    Nora

    RispondiElimina
  43. Mi piace molto il tuo blog e quindi ti premio così: spir-eat.blogspot.com/2012/02/versatile-blogger.html

    RispondiElimina
  44. una zuppa bella ricca che con questo freddo e neve che cade e' l'ideale!!! bravissima come sempre e buon week ^_^

    RispondiElimina
  45. che buona! io la prendevo sempre!
    chissà perché a casa poi sembra non avere lo stesso buon sapore :)

    RispondiElimina
  46. Che bello viaggiare e ... bello ancora di più viaggiare con il gusto e incontrare altri popoli attraverso il cibo!

    RispondiElimina
  47. Bellissima, con quelle ciotole meravigliose!

    RispondiElimina
  48. Dobbiamo trovare il locale che mi farà questa zuppa DOBBIAMO....vero??? Un bacione, Flavia

    RispondiElimina
  49. Preparata ieri e mangiata questa sera! Non so se assomiglia a quella marocchina però ci è piaciuta. Non ho trovato il coriandolo (ne fresco ne secco) e non ce l'ho messo; ho usato fave surgelate che dovevo finire e leggendo altre ricette (tutti sul web scrivono che la loro è quella originale ma ho come l'impressione che l'Harira sia come il tiramisù per gli italiani: non esiste una ed un'unica ricetta), ho aggiunto anche del peperoncino in polvere. Ho l'ho mangiata con i datteri e non ho aggiunto pasta o riso ma dei pezzi di pane. Ve bene lo stesso? :-)

    RispondiElimina
  50. Ho proprio voglia di assaggiarla...quasi, quasi vengo lì ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina
  51. Bellissimo il tuo blog! Piacere di conoscerti cara... Buonanotte! A presto, Anna.

    RispondiElimina
  52. Ciao volevo invitarti al 1° Food Contest di Donna In "Sfizia&Delizia" che si terrà da oggi per un mese. Il tema è molto libero e ti puoi sbizzarrire cucinando praticamente di tutto, inoltre ci sono in palio dei bei premi che potresti vincere!! Se ti va, noi ti aspettiamo! ;)
    http://www.donna-in.com/2012/02/1-food-contest-di-donna-in-sfizia-delizia/

    RispondiElimina
  53. Eleonoraaaaa, siamo strennineeeee.....sono così felice che non ci credo. Dopo aver visto ricette come la tua e quella di Greta, ero convinta che non mi avrebbero considerata di striscio....non ci credo! Ma, tra me e te, adesso che dobbiamo fare? ;)))
    Ti mando un grande bacione! Pat

    RispondiElimina
  54. affascinante tutto ciò che produci e che scrivi
    con questa zuppa non potevi che confermarti strenna per un mese :-))
    complimenti
    cris

    RispondiElimina
  55. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina