mercoledì 29 febbraio 2012

Falafel israeliani con salsa tahina, la ricetta originale, come a Tel Aviv



Un piatto antico, le cui origini non sono ben definite, egiziani e Libanesi ne gontendono la paternità ma, malgrado sia diffuso in tutto il medio oriente, con alcune differenze di ingredienti e presentazione, si può osare considerare i falafel come il piatto nazionale israeliano.
Anche il suo nome ha origini incerte: potrebbe infatti derivare dalla parola mlaff, che vuol dire imballato, perchè si mangia quasi sempre a modo di panino, o dall'arabo flayfle, che vuol dire peperoncino. Sembra che questa preparazione abbia visto la luce nell'antico Egitto, data la presenza di pitture funerarie che ne descrivevano la preparazione e si pensa che gli ebrei, schiavi dei faraoni, lo abbiano mangiato e adottato nella loro cucina.
Secondo la storica della cucina Claudia Roden, nel suo libro della cucina ebraica, furono gli ebrei Yemeniti arrivati in Terra Santa prima del 1948 i primi a produrre e vendere falafel nelle strade e a portarli alle colonie di pionieri ebrei. Allora i falafel erano più speziati e probabilmente fatti a base di fave e non di ceci. Oggi nella maggior parte dei posti ambulanti i falafel sono fatti a base di polvere disidratata di ceci e persino il Mc Donald's offre in alcuni paesi il popolarissimo Mc Falafel, tuttavia, in alcuni posti ben scelti, si può ancora mangiare ed assaggiare il vero falafel, fatto con ceci interi alla vecchia maniera, che in Israele non è mai servito in un piatto, ma sempre avvolto in pane pita e bagnato con salsa tahina o con un'altra salsa a base di yogurt e accompagnato spesso da crudités, trasformandolo in un pasto completo, e in un vero street food.


Falafels con salsa tahina

da The book of Jewish food, di Claudia Roden

Ingredienti per 12 persone:

500 gr di ceci, messi in amollo per 24 ore
1/2 mazzo di prezzemolo
1/2 mazzo di coriandolo
8 cipolline fresche
polvere di peperoncino
2 cucchiaini di cumino in polvere
2 cucchiaini di semi di coriandolo in polvere
6 spicchi d'agio
1 cucchiaino di lievito in polvere
olio d'oliva per friggere
sale


250 ml di tahina
il succo di uno o due limoni
2-3 spicchi d'agio
1/2 cucchiaino di paprika dolce
2 cucchiai, circa, di prezzemolo tritato


Pan pita caldo per servire




Passare nel mixer il prezzemolo, il coriandolo e le cipolle e metterle da parte. Macinare i ceci ben scolati fino ad ottenere una pasta ben omogenea e morbida, più tempo si macinano, meglio è. Aggiungere sale, peperoncino, cumino, coriandolo, aglio, lievito e ripassare di nuovo al mixer fino a che la pasta sia bella liscia e compatta. Aggiungere il misto di cipolla ed erbe e ripassare ancora una volta, brevemente, al mixer il giusto per ottenere l'omogeità della pasta. Lasciar riposare un'ora.
In una padella riscaldare almeno due centimetri e mezzo di olio d'oliva a fuoco moderato. Con le mani bagnate, fare delle palle di pasta di cece della grandezza di una noce o poco più e friggerle in varie volte.
Per la salsa, versare la tahina in una terrina e versarvi poco a poco il succo di uno o due limoni e acqua sufficente per ottenere una pasta densa e pallida. Continuare a sbattere, all'inizio si formeranno dei grumi, e bisogna lavorarla fino a che i grumi spariscano. La consistenza dev'essere quella di una crema leggera. Spolverizzare di paprika e prezzemolo. Servire a temperatura ambiente, con i falafel caldi.


54 commenti:

  1. Dopo la Mc Fondue, il Mc Falafel mi mancava :-D
    Devo confessarti che li ho sempre voluti assaggiare e così, appena arrivati a NYC qualche anno fa, nonostante la stanchezza, li ho presi ad un classico banchetto di hot dog per strada e mi hanno lasciato letteralmente a bocca aperta...erano piaccanti! Ora capisco il perché dall'etimologia^^
    Fabio

    RispondiElimina
  2. Ahahahahah...dunque il mazzo di coriandolo non ce l'ho, ma grazie al tuo speziale (anzi di Iman) ora lo pianto :D, sempre da lui ho comprato anche la paprika dolce....mi sa che stavolta la ricetta la posso fare....... :D , però se la facevi una settimana fa ...sarebbe stato meglio ahahahahah, bacioni a tuttiiiiii

    RispondiElimina
  3. Vorrei cimentarmi anch'io più spesso in preparazioni etniche...mi piace confrontarmi con culture gastronomiche diverse dalle mie...
    Prendo nota di questa ricetta, anche se alcuni ingredienti faticherò un pò a procurarmeli!
    Franci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è bello girare il mondo in bocca :) Le spezie li trovi dappertutto ma sopratutto nei negozi alimentari etnici ( cinesi e non ) .
      Il mio amico cuoco egiziano me li ha fatti sempre fare con fe fave e non con i ceci , aggiungendo pane raffermo bagnato nell'impasto (ma avevamo circa 800 persone a serata a cena... servivano grandi quantitativi ,,.... )

      Elimina
  4. I falafel è una preparazione che da tempo vorrei provare.
    Metto questa tua ricetta tra quelle da provare e ti farò sapere come è andata
    Bacioni

    RispondiElimina
  5. Mc falafel??? Io prendo il tuo!!! Troppo troppo troppo invitanti quelle polpettine racchiuse nella pita..... mi sa che vado a fare una merendina per compensare la mancanza di questo piatto!!! :))

    RispondiElimina
  6. Naaa quelli del Mac non ci piacciono, io copio i tuoi nella speranza di trovare tutte le spezie!

    RispondiElimina
  7. che buoni i falafel, pensa che io sono andata appositamente a un corso di cucina per imparare a farli :-D

    RispondiElimina
  8. Decisamente tesoro scelgo il tuo mille volte!!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  9. una squisitezza, peccato non si possa mangiare dal pc :-) in mancanza del coriando fresco si può usare quello in polvere?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, in quel caso allora usa solo prezzemolo duplicando la dose. il coriandolo in polvere ci va, ma insieme al cumino, come spezia. :)

      Elimina
  10. quanto mi piaccionoooooo...segno la tua ricetta!

    RispondiElimina
  11. le tue ricette sono sempre ricchissime di profumi, colori e sapori!

    RispondiElimina
  12. wow, i falafel! li adoro :D i tuoi sembrano ottimi!!

    colgo l'occasione per invitarti al mio nuovo contest "C'era una volta in cucina..", se ti va http://mezzalunaricette.blogspot.com/2012/02/new-contest-cera-una-volta-in-cucina.html !!

    RispondiElimina
  13. Ecco: io che mi lamento sempre, perche' non trovo questo e quello quando si tratta di cucina italiana, invece non ho difficolta' a reperire tutti gli ingredienti e le spezie per questa ricetta. Quindi non ho scuse. Li posso fare e li faro'! Bellissimo escursus storico: ti chiamero' Pierangela, d'ora in poi :-))
    P.S.: definisci lievito secco, please...per torte o lievito di birra disidratato?

    Baci tanti

    RispondiElimina
  14. favolosi, mi copio la ricetta subito.

    RispondiElimina
  15. Ele, grazie per aver condiviso la ricetta originale. cercherò quel libro la cucina ebraica mi affascina molto. Io ho assaggiati quelli egiziani alle 8 del mattino dopo essere ridiscesa dal Monte Sinai e non aver dormito . Li proverò di sicuro..sai che, come te, tutto ciò che è speziato mi attira come una calamita. baci

    RispondiElimina
  16. Ciao, senti, ma invece di tritare i ceci...crudi, mi sembra, posso usar la farina di ceci? E come li trito, i ceci crudi, col mixer?
    GRazie e ciao
    cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cinzia, non saprei darti le proporzioni per la farina di ceci, perchè i ceci crudi messi in ammollo danno l'umidità necessaria e perfetta per la pasta. e si, li triti nel mixer.

      Elimina
  17. Ele m fai morire... adoro questa cucina ^^

    RispondiElimina
  18. dimm tahina... è la pasta di sesamo giusto????

    RispondiElimina
  19. Buonissimi i falafel con la tahina. Ceci rigorosamente crudi. Ho solo un problema: reperire il coriandolo che proprio (fresco) non riesco a trovarlo. Qualcuno ha idea? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se non lo trovi, puoi sostituire con tutto prezzemolo.

      Elimina
  20. deliziosi!!
    da provare assolutamente!

    RispondiElimina
  21. Aiutooooooo che delizia!Colpita e affondata, I love falafels!Grazie per questa ricetta che proverò quanto prima con gli ingredienti che ho a disposizione!Bacissimi

    RispondiElimina
  22. Faccio una versione light di questa prelibatezza

    RispondiElimina
  23. Da Mc Donald's non li mangerei mai! Premesso questo...li adoro! Io li ho fatti con le zucchine e sono buoni. Tu sai quanto mi piacciono le spezie! Mi hai fatto tornare in mente una magnifica vacanza in Egitto che mi ha regalato mio marito tanti anni fa....

    RispondiElimina
  24. Il Mc Falafel in effetti mi mancava! E non sapevo nemmeno fosse un piatto israeliano, anzi lo consideravo assolutamente egiziano (merito dei kebabbari di Milano :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti è con il tempo che è diventato il piatto nazionale israeliano, ma l'origine sembra comunque essere egiziana. solo che in Egitto lo fanno con le fave e in Israele e in altri paesi con i ceci.
      quindi i kebabbari non hanno tanto torto. :))

      Elimina
  25. Adoro i falafel e mi hai fatto venir voglia di mangiarli...adesso come faccio? Mi devo per forza mettere ai fornelli :-) Complimenti
    simo

    RispondiElimina
  26. non sapevo si facesso coi ceci...che bontà!!!

    RispondiElimina
  27. Ho provato i falafel solo una volta, in un negozio turco vicino casa, ma non si avvicinavano nemmeno lontanamente a questo splendore che proponi. Mi son piaciuti tanto, ma l'idea di mangiarli fatti con tutti i crismi... Proverò a fare la tua ricetta. Si Si.

    RispondiElimina
  28. con al farina di ceci non viene uguale vero???....provero' sicuramente....

    RispondiElimina
  29. Pensa che io ho conservato una ricetta damascena che prevede però le fave... i ceci ce li ho ma poi...che faccio aspetto che i semi di Flavia germoglino?
    :D

    RispondiElimina
  30. Grazie per la ricetta, mi incuriosisce molto! La lproverò!
    Cinzia

    RispondiElimina
  31. non li ho mai assaggiati, ma mi intriga questo tipo di cucina..!

    RispondiElimina
  32. Ecco, se togli il peperoncino potrei mangiarli a vita!
    E la salsina? Beh... dove c'è il tahini ci sono anche io!
    Una ricetta stupenda!
    Devo provare anche io con i ceci crudi perche di solito li cuocio.


    besos

    RispondiElimina
  33. cuoriosita'...invece quelli di fave di dove sono tipici?!...come dice Scabin un take away da gourmet!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quelli alle fave sono tipici egiziani.

      Elimina
  34. Adoro questi tuoi post pieni di informazioni interessanti e curiose. Sinceramente non credo di aver ma potuto assaggiare un falafel "original"...certo non credo che il Mc Falafel lo sia :-)
    Comunque i tuoi hanno un aspetto delizioso e devono essere deliziosi così speziati

    RispondiElimina
  35. Adoro questi piatti.....
    Tempo fa li feci (al forno, questa mia fissa di infilare tutto in forno anzichè friggere=))))) sempre con ceci, ottimi anche al forno!!! Sapevo delle fave ma non credo di averli mai assaggiati.
    Unico neo...davvero non so dove trovare il coriandolo fresco!
    Provero' anche la tua ricettina, baci.

    RispondiElimina
  36. Quando fai queste cose ti adoro!!! Splendide le foto e magnifici i tuoi felafel. Ma lo sai che non ho mai mangiato gli originali? Solo una pessima riproduzione di un pessimo ristorante ... Ma quindi i ceci non vanno cotti prima di essere frullati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, assolutamente. anzi, è il segreto della buona riuscita. Se li cuoci prima, quando li friggi si spappoleranno.

      Elimina
  37. adoro i falafel... sarei curiosissima di assaggiare questi: li ho sempre mangiati in giro ma chissà :-/ sempre meglio farseli da sé :D

    RispondiElimina
  38. Io li adoro! Ma come ho fatto a vivere prima di scoprirli??? Forse saranno la prima cosa che provero' a friggere!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
  39. Che buoni! Io lifacciocon ceci e fave. Proverò senz'altro questa ricetta più fedele. I tuoi post? Una poesia, sempre :)
    P.s. Salutami Iman

    RispondiElimina
  40. Hai vinto qualchecccosa:
    http://www.cucinaamoremio.com/2012/03/versatile-blog-award.html
    Ciao.
    Dann/www.cucinaamoremio.com

    RispondiElimina
  41. Buonasera Ele.... riesco finalmente a commentare questi falafel! Io li adoro e qui a Milano li ho maunngiati anni fa in un ristorante vicino a casa mia... (se non erro si chiamava Re Salomone) e mi sono piaciuti tanto per quel piccantino... poi li ho ritrovati in un ristorante egiziano ma non erano più piccantini. Ora, grazie a te ho la ricetta e... se trovo il coriandolo fresco...(forse Esselunga) ci provo a rifarli! Inutile ripetere che leggere i tuoi post è un grandissimo arricchimento, del corpo ma anche dell'anima!
    Nora

    RispondiElimina
  42. Sono splendidi!!! Facciamo che mi studio per bene la ricetta e provo a farli anch'io? ;)

    RispondiElimina