venerdì 21 novembre 2014

I muffins di Bianconigio: con carote candite e farina d'orzo

Acquerello su carta di Frédéric Dufresne



Alice: Per quanto tempo è per sempre?
Bianconiglio: A volte, solo un secondo.
-Lewis Carroll, Alice in Wonderland"-             

Se il Bianconiglio di Alice avesse mai avuto bisogno di un dolcino per festeggiare un suo non compleanno, sono sicura che sarebbe stato un muffin. Con la sua smania frettolosa é senza dubbio la prepararazione che avrebbe fatto al caso suo.
Alice nel paese delle Meraviglie in versione integrale arrivò nelle mie mani proprio grazie al mio personale Bianconiglio, che anni dopo mi avrebbe anche apetro le porte del mio proprio Wonderland, rendendomi un passato inseguito e un futuro tutto da costruire.
Rincorrendolo, il Bianconiglio mi ha mostrato il sentiero giusto del ritorno a casa e quello errato che finiva dalla regina di cuori, liberandomi dalla via sbagliata, salvandomi la vita in un momento balordo di totale abbandono.
Al contrario di quello di Alice, il mio Bianconiglio non aveva mai fretta e non guardava mai l'orologio; mi ha insegnato che nessun artefatto inventato dall'uomo avrebbe potuto mai misurare il tempo dell'allegria, o quello del dolore e come nel libro mi è stato vicino e lontano, regalandomi il suo tempo fino alla fine.
In Alice on the Stage, il proprio Carrol descrive questo personaggio come un coniglio bipede e vecchio che porta gli occhiali che rappresenta l'alter ego anziano di Alice. 
Vorrei che fosse così e che ogni secondo che passi non misurato da un orologio, desidero somigliare sempre di più a quel vecchio coniglio che mi ha offerto i regali più meravigliosi, di quelli che non si aprono e non si scartano, ma si conservano nel cuore solo un secondo o per sempre.

Il mio muffin è dunque bianco, farina di grano tenero mischiata a farina d'orzo e zucchero raffinato. Le carote, il cibo preferito dai conigli sono cotte e candite, più digeribili per un coniglio anziano e più caloriche per un coniglio che corre e rappresntano anche il dolce tempo che il mio bianconiglio mi dedicava.
La farina d'orzo e le noci pecan sono per il mio Bianconiglio: la prima per le sue origini polacche askenazite, dove l'orzo è re di una cucina povera e le ultime per quel suo essere così fragile dentro un involucro durissimo, solo in superficie. E poi perchè di noci pecan ne andava matto.


A mio padre il Bianconiglio, che mi ha regalato il suo tempo e il mio Wonderland


I Muffins di Bianconiglio


Ingredienti per 12 muffins
2 uova
100 g di zucchero semolato
115 g di burro fuso
250 ml di yogurt 
100 g di farina d'orzo
250 g di farina 00
7 g di lievito chimico per dolci
1/2 cucchiaino di bicarbonato
1/2 cucchiaino di sale
carote candite
una manciata di noci pecan

per le carote candite
350 g di carote
300 g di zucchero semolato
500 ml di acqua minerale
1 cucchiaio colmo di miele




 Scaldare il forno a 190°C
Per le carote candite, lavare, pelare e tagliare le carote in dadini di circa 3 mm. Cuocerle per cinque minuti in acqua bollente e poi scolarle. In una pentola di rame o di acciao a doppio fondo, mettere lo zucchero e l'acqua minerale e portare ad ebollizione. Immergere le carote nello scirioppo formatosi e lasciare cuocere tre minuti, dopodichè aggiungere il miele e cuocere altri due minuti. Scolare le carote e metterle ad asciugare su una gratella.
Preparate tutti gli ingredienti a temperatura ambiente, tutti pesati e pronti all'uso.
Per i muffins, sbattere le uova con lo zucchero, aggiungere il burro fuso e incorporarlo a zucchero e uova, poi aggiungere lo yogurt.
A parte, miscelare gli ingredienti secchi: le farine setacciate con il lievito, il bicarbonato e il sale. Fare un buco nel centro degli ingredienti secchi ed aggiungerci quelli umidi. Mescolare delicatamente, con meno giri possibili con cucchiaio di legno, fino a che gli ingredienti siano appena incorporati. 
All'ultimo, incorporare le carote candite.
Riempire con un cucchiaio i pirottini da muffins negli appositi stampi fino a 3/4 e spolverarci sopra un po' di noci pecan macinate al coltello molto grossolanamente.
Infornare, abbassando la temperatura a 180°C per una quindicina di minuti.

Per tutti i consigli di come preparare dei muffins perfetti, andate a leggere da Francesca.



Con questa ricetta partecipo al MTC di Novembre 2014, I Muffins di Francesca




 

16 commenti:

  1. Alice nel paese delle meraviglie è il libro per l'infanzia che, fra tutti quelli che ho letto, amo di più, ma non solo: lo annovero anche tra i miei libri preferiti in assoluto. Bellissima l'ispirazione e splendidi i muffin!
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. p.s. dimenticavo! Che bello l'acquerello!! :)

      Elimina
  2. <3 noi tutti abbiamo un Bianconiglio, ma senza tempo e orario.
    Esiste un varco, tra il sogno e la realtà dove ritroviamo e riviviamo tutti i nostri ricordi più belli
    Mi piacciono i tuoi muffins con le carote candite, davvero interessante e sicuramente buonissimi!
    Ciao Isabel

    RispondiElimina
  3. Tutti dovrebbero avere un bianconiglio senza orologio e senza orari. Purtroppo non è così, da piccoli non si capisce del tutto ma da grandi ci si rende conto di cosa poteva essere e non è stato.
    Mi piace moltissimo l'idea delle carote candite, non avevo mai visto prima una cosa simile.

    PS l'acquerello è stupendo

    RispondiElimina
  4. Graziosissimi questi piccoli muffins...
    una vera bontà!
    Bravissima!
    Un abbraccio Laura:-):-):-)

    RispondiElimina
  5. Cara Eleonora, vedi che le parole, semplici e piene di sentimento, sono arrivate? Così come devono arrivane, né troppo presto né troppo tardi. I tuoi muffin sono splendidi, e le carote caramellate una gran raffinatezza.
    un abbraccio

    RispondiElimina
  6. ....non voglio togliere nulla a questi meravigliosi muffin...e nemmeno a questo post...ma leggo Bianconiglio...e penso solo ad una persona! Ti abbraccio

    RispondiElimina
  7. Che tenera..
    Dei muffin super, dati da un grande affetto..!
    Parole bellissime e risultanto altrettanto magnifico!

    RispondiElimina
  8. Muffin deliziosi per una sfida del mese meravigliosa!!! gnammy! bravissima!

    RispondiElimina
  9. Si riconosce nei tuoi occhi, il tuo Bianconiglio. Nella cura che hai nello scrivere di sentimenti e nel cucinare con quello che in cucina spesso manca: il cuore.
    Belli e buoni questi muffins. Come te.
    Nora

    RispondiElimina
  10. Il tuo Bianconiglio è proprio speciale!

    RispondiElimina
  11. Mi piacciono i tuoi muffins, ma Alice nel Paese delle Meraviglie non l'ho mai letto volentieri (sì lo so, ogni tanto canto fuori dal coro e sono pure stonata ...)
    Claudette

    RispondiElimina
  12. Sono senza parole, commossa ed emozionata da come hai saputo interpretare la sfida e la ricetta di un dolcetto che, diciamolo, a volte non ha nulla di poetico se non la bontà.
    Hai avuto un dono speciale ad avere accanto quel Bianconiglio di cui parli con toni così pieni d'amore e riconoscenza.
    Mai come ora la ricetta passa in secondo piano, ma non voglio privarmi del piacere di dirti quanto l'abbia apprezzata. Le carote caramellate , la farina d'orzo, le noci pecan.. tutto rende speciale e personalissimo questi tuoi muffins.
    Adoro il disegno, fai i miei complimenti all'artista!
    Un abbraccio e grazie infinite, per tutto!

    RispondiElimina
  13. che belle le tue parole e... i tuoi muffins sono splendidi ed eleganti con le carote candite :-)

    RispondiElimina