mercoledì 23 febbraio 2011

Gamberi con mango e taccole...e un mondo in regalo

"Nascere è come ricevere un mondo intero in regalo..."
Jostein Gaarder 

Ho la fortuna di non aver mai perso quella capacità di meravigliarsi del mondo propria dei bambini. Dev'essere probabilmente perchè quella parte infantile, quel bambino che vive in me, non è mai cresciuto, o meglio, non gli ho mai permesso di crescere. 
Mi meravigliano ancora la neve che scende in silenzio, lo scricchiolio delle foglie secche sotto i piedi, i primi germogli della primavera, un bocciolo di rosa bagnato di rugiada in un mattino nebbioso.
Quando sono nata, ho ricevuto il mondo intero in regalo da Colui che lo ha creato. L'ho scartato pian piano, e continuo a farlo, per conoscerlo a fondo, viverlo, respirarlo, trasformarlo in parole.
Questo mondo che mi appartiene, vorrei scriverlo in tanti modi differenti come paesaggi che ci tiene in serbo e assaggiarlo come una sfera di cioccolato che ha prima uno e poi altri milioni di sapori differenti.
Lo afferro, stretto fra le mani, con i suoi profumi, colori vivaci o sfumati...parlo del mondo, racconto le storie che lui mi narra in sussurri, lo aspiro, lo assaporo. 
Metto insieme vari pezzi di origine diversa che danno vita a gusti nuovi, a sconosciute sensazioni, e io stessa sono parte di questo gioco, di questo girotondo intorno al mondo che ormai è la mia vita e ogni luogo camminato, ogni persona incontrata hanno emanato un'essenza che ho assorbito e fatta un po' mia, e che cerco di condividere offrendo un pezzo di questo regalo anche agli altri.
Questo mondo che il Creatore mi ha donato alla nascita continua a stupirmi con i suoi piccoli e grandi miracoli, riflessi, luci e passre di stagioni.
Alzo gli occhi verso il cielo, delicatamente azzurro stamattina e Lo ringrazio, come tutti i giorni.
Posseggo un universo in cui le differenze e i colori si tendono la mano e si scambiano d'essenza, dando di sé gli uni agli altri, come in cucina, dove una cipolla francese, dei gamberi indonesiani, delle taccole cinesi e un mango africano, pacificamente riuniti, hanno formato un equilibrato e delicato piatto orientale.




Ingredienti per 4 persone
400 gr di gamberi puliti e sgusciati
2 cucchiai d'olio di arachidi
2O gr di zenzero grattuggiato
1 cipolla tagliata prima a metà, poi a fette
300 gr di taccole
1 mango grande e maturo, affettato
2 cucchiai di salsa di soia

In un wok, scaldare l'olio e far soffriggere la cipolla e lo zenzero. Quando la cipolla sarà diventata semi trasparente, aggiungere i gamberi e farli rosolare muovendoli costantemente durante circa due minuti o fino a che i gamberi saranno diventati rosa. Aggiungere le taccole e cuocere ancora qualche minuto, fino a che saranno tenere.  Mischiare le fette di mango e la salsa di soia, cuocere durante un altro minuto e servire immediatamente.







Con questa ricetta partecipo al Contest Edo ergo sum di Cooking Elena

63 commenti:

  1. Wow Ele che bel post e che piatto, è un vero piacere averti conosciuta <3!!
    Baciooooo!!!

    RispondiElimina
  2. che splendore questo piatto... fresco, delicato... complimenti!

    RispondiElimina
  3. E' bello sapersi emozionare ed aprezzare le piccole cose di ogni giorno. In fondo sono queste le vere ricchezze. Anche io adoro vedere la neve e l'aspetto con ansia ogni anno. Essere cosi rende la vita più facile e leggera. Io la vedo cosi.
    Questo piatto fresco ed un po' esotico ma fa venir voglia di partire in vacanza. Un bacione cara!!

    RispondiElimina
  4. Che bontà... un piatto fantastico come il tuo post!
    Complimenti! Baci

    RispondiElimina
  5. poetico il tuo modo di unire cose distanti, pensieri che sono al di sopra.. e sapersi meravigliare anche "solo" del colore del cielo.
    La ricetta è super, bravissima come sempre!

    RispondiElimina
  6. gamberi e mango sono un ottimo connubio. da provare allora anche con l'aggiunta delle taccole

    RispondiElimina
  7. Ciao Ele, grazie di cuore di avere partecipato al mio contest con un post così bello, ricco di te e con una ricetta appetitosa ed originale! Belle le foto!! Ti inserisco subito.. in bocca al lupo!
    Un bacio

    RispondiElimina
  8. I tuoi piatti sono sempre gustosi e originali bellissimo!
    Un bacione buona giornata Anna

    RispondiElimina
  9. poesia nel piatto, e cos'altro ti rappresenterebbe? splendide parole e splendida ricetta!!

    RispondiElimina
  10. Mi sono riconosciuta tanto oggi nel tuo post tesoro, in quella parte che è rimasta bambina e che si emoziona ancora davanti alle piccole grandi meraviglie della natura. Tu vedessi come rimango incantata quando in cielo compare l’arcobaleno: sembro in trance!
    Ora sono incantata davanti ai tuoi gamberoni, l’aggiunta del mango per me è tutta da scoprire. Ohhhhhhhhhhhhhh ^__^ Un bacione

    RispondiElimina
  11. Non ho tempo per leggere tutto, torno dopo, ma almeno ho imparato che i mange tout sono le taccole! Non conoscevo il nome italiano!!!!!

    RispondiElimina
  12. fresco, colorato, saporito..davvero perfetto questo piatto! poi qualunque cosa contenga salsa di soia io la mangerei :)

    RispondiElimina
  13. Ciao Eleonora!! wow che bella ricetta!!!!! ho appena dato uno sguardo al blog e sono senza parole!!!! sei fenomenale!!!!! complimenti!!!!

    RispondiElimina
  14. Questa ricetta mi piace moltissimo, amo tutti i singoli ingredienti ma non li ho mai messi insieme, proverò. Grazie per averla condivisa!

    RispondiElimina
  15. Un piatto gustossimo,e un post molto bello.
    Complimenti.
    Un abbraccio e una buona giornata,Fausta

    RispondiElimina
  16. Mi sono emozionata...è bello sapere che in questo mondo ci sono ancora delle persone che godono di tutto questo. Io, come te, mi soffermo spesso a inebriarmi di ciò che la natura ci offre. Non sai quanti incidenti ho rischiato di avere per essermi fermata di botto per ammirare l'arcobaleno, il mare in tempesta. Ho la fortuna di abitare vicino il mare ed ogni volta che vado e torno a casa, allo svincolo che devo prendere abbasso il finestrino e respiro a pieni polmoni l'odore del mare, delle alghe, ascolto i gabbiani, guardo il formarsi delle onde. Ho deciso di tenere con me la macchina fotografica perchè devierò dal percorso ufficio-casa per fotografare il mare dalla spiaggia. Giuro che lo faccio presto! Grazie per le parole che hai scritto. Buona la ricetta, un accostamento di gusti che non conosco ma cher proverò. complimenti a te e alla tua squadra di bellissimi chef

    RispondiElimina
  17. L'abbinamento mi intriga, il mango mi piace da matti, lo mangeri a tutte le ore! E poi un piatto fresco ci vuole proprio, questo inverno non finisce più!!!
    p.s. bellissima foto.

    RispondiElimina
  18. Troppo invitante brava Eleonora ...
    Un saluto e un bacione dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  19. Anch'io mi emoziono davanti alla magia delle cose. Il fanciullino che è in me, MAI crescerà :)
    Piattino sfiziosissimo!!!

    RispondiElimina
  20. bellissimo post, come sempre, e un piatto davvero originale, mi stuzzica parecchio!

    RispondiElimina
  21. Carissima che piatto meraviglioso! ma lo sai che a Roma sono riuscita a trovare le taccole solo una volta...(non ridere) in 40 anni e abito anche in un quartiere centrale...
    Non ti ho mai detto che i tuoi figli sono stupendi tutti e tre, ma i due grandi assomigliano a te vero? mi sembra di capirlo (non dalle more) ma da quella su fb. Lo sai che il mio piccolo è stato intervistato dalla rivista francese Tèlerama che è uscita in questi giorni e stiamo aspettando che ce la mandino per leggerla...baci

    RispondiElimina
  22. Ciao Eleonora! Ogni volta mi immergo dentro le bellissime parole dei tuoi post...complimenti! Ricetta invitante e buonissima!!! Baci!

    RispondiElimina
  23. che bella ricetta!! Un tripudio di colori e sapori. Continua ad essere anche un po' bambina, potrai vedere ancora il Mondo in maniera diversa

    RispondiElimina
  24. Bellissima la ricetta, ma le tue parole, ancora una volta, arrivano dritte al cuore! Ci emozioni ogni volta! Grazie!

    RispondiElimina
  25. davvero squisiti questi gamberi! presentati benissimo! bravissima! :-D

    RispondiElimina
  26. Anch'io sono un po' come te... mi sorprendono le piccole cose e mi lascio trasportare dai sentimenti non pensando molte volte al male che le persone ci possono fare. Ho avuto la fortuna, però, di incontrare una persona che mi fa aprire gli occhi quando io vorrei tenerli chiusi, mi fa capire che purtroppo in alcune persone c'è cattiveria e opportunismo quando io non le vedo... praticamente quasi mai! Sono rimasta un po' bambina, ma mi piace perchè riesco ad essere contenta per una giornata di sole o per un fiore o un peperoncino che "sboccia" sul mio terrazzo... Oggi è una di quelle giornate: con il sole, con i fiori e due peperoncini...
    Baci
    Eli

    RispondiElimina
  27. E una cosa bellissima lasciarsi portare dalla mano da questo bambino che si ha dentro, mai cresciuto del tutto, non rinunciarci mai!
    E poi... ma quanto bene ti fa!!?

    Dolce e pacifica questa ricetta, la pace dei tuoi sensi!

    un mar de besos!

    RispondiElimina
  28. un post bellissimo accompagnato da una splendida ricetta!!
    bacioni

    RispondiElimina
  29. Complimenti per il bellissimo post, questo piatto è veramente squisito! Un abbraccio

    RispondiElimina
  30. Splendido questo abbinamento! Complimenti, marina

    RispondiElimina
  31. quelle belle recette, j'aime beaucoup
    Bises
    Delphine

    RispondiElimina
  32. Ele.. Ele... ma come fai ad attirare più il mio interesse in ciò che scrivi anzichè in ciò che cucini.. che già è semrpe ottimo!!! Hai un dono.. non smetterò mai di ripetertelo! Io mi sogno di scrivere a quella maniera!!! ehehehehe smackk :-)

    RispondiElimina
  33. Buono e bello questo piattino!! :-)

    RispondiElimina
  34. Eccolo! :-) Sono venuta ad accertarmi con i miei occhi che fosse mango e non avocado perché le tue chiacchiere con Gaia mi avevano un po' confusa :-D Devo dire che questo piatto va ben oltre le mie aspettative: mi aspettavo qualcosa di buono sicuramente, ma qui si va sull'ESAGERATAMENTE buono! E vabbè, esageriamo: tuffiamoci colla faccia nel wok!!! :-D

    RispondiElimina
  35. Gamberi,taccole, cipolle, mango, zenzero...tutte cose che mi piacciono molto..ma non avrei mai pensato di metterle assieme cosi' :))
    sempre piu' brava Ele ^_^
    un bacione grande!!

    RispondiElimina
  36. Ciao cara! I tuoi post sono sempre bellissimi e questa ricetta è favolosa! Bravissima! Bacioni.

    RispondiElimina
  37. Ti chiedo scusa in anticipo..per la magra figuraccia che forse sto per fare: ma perchè non scrivi un libro??? (la figuraccia si riferisce al fatto che forse l'hai già scritto e io non lo so!!! :D )...scrivi così bene!!!

    Comunque la mia ricetta per il tuo contest è pronta e la pubblico...venerdì!!Baciottoni, Flavia

    RispondiElimina
  38. Deve essere deliziosa. Abbiamo provato l'abbinamento gamberi-mango qualche settimana fa con degli aperitivi e non lo lasciamo più!!

    RispondiElimina
  39. ...piatto e post assolutamente unici come te, Eleonora :) sapersi stupire ogni giorno di un pezzettino di mondo è il segreto per non stancarsi mai di questa cosa complicata e bellissima che è la vita :)
    PS: Zucca e cipolle accartocciati e sbranati...è stato un piacere immenso conoscerti e ricevere una tua ricetta :) GRAZIE!ti abbraccio forte :)

    RispondiElimina
  40. Stupirsi di quello che abbiamo ed apprezzarlo al meglio non è da tutti e denota un animo sensibile e poetico ...
    Anche a me piace usare lo zenzero fresco ...

    RispondiElimina
  41. Se mi piace ??? altrochè !! perfetto !! Nei colori nei sapori, nella tua descrizione. Sei unica e quello che fai mi piace molto !!!

    RispondiElimina
  42. Bellissimo quelllo che hai scritto!

    RispondiElimina
  43. Se al posto dei gamberi metto un pesce "ok" è eccezionale anche per me. La provo domani :) Bacioni e... grazie di scrivere cose che fanno così bene al cuore

    RispondiElimina
  44. per fortuna c'è ancora gente come te che conserva queste capacità! bello davvero!
    ottima insalata, mi piacciono le taccole :)

    RispondiElimina
  45. Resta così, non crescere, così potrai continuare a donare questi bei momenti di poesia!!!
    Il piatto è meravigliosamente invitante!!!
    Alla prossima

    RispondiElimina
  46. Che parole profonde Eleonora. E come è bella l'analogia con la quale ci presenti questo ottimo piatto...Peccato che il mio essere pessimista mi porta a pensare che forse è un'utopia...Un bacione

    RispondiElimina
  47. A che ora passo per mangiarne un piattino?????Baci

    RispondiElimina
  48. Questo piatto è meraviglioso, sarebbe bello se potessimo riunirci tutte intorno ad un tavolo a scambiarci qualcosa di noi, per ora lo facciamo virtualmente, in effetti ci sono tanti modi per sentirsi...
    Adoro questa fusione di mondi colori, e sapori. Bravissima. Un bacione

    RispondiElimina
  49. Ele cara, tu sei splendida, il tuo modo di vivere, sentire e raccontare la vita meraviglioso. Sono contenta di averti conosciuto, tanto.
    Baci
    Rosalba
    p.s. questa ricetta la rubo...io cucino spesso le taccole, ma mai abbinate in questo gustoso modo...proverò ;-)

    RispondiElimina
  50. una meraviglia, il tuo racconto, le tue parole e la foto del piatto.. la perfezione. mi hai trasmesso tutto, bravissima.

    RispondiElimina
  51. Ottima ricetta, fresca e profumata... e che racconto! Scrivi molto bene,oltre che a cucinare divinamente! Bravissima!

    RispondiElimina
  52. bellissimo post, e che grazia che hai ad aver mantenuto ancora quello stupore nei confronti della realtà che di solito hanno solo i bambini e gli artisti. ma con un piattino così un po' artista lo sei anche tu!! Un abbraccio! Lucia

    RispondiElimina
  53. Anch'io sono come te e mi emoziono per le piccole cose anche se non sono brava come te a scriverne, questo piatto è un mix poetico di sapori, bravissima!

    RispondiElimina
  54. La fretta, la fatica, la stanchezza spesso ci distraggono e ci impediscono di godere dei piccoli miracoli che tutti i giorni fanno parte della nostra vita. Ma fortunatamente nei momenti tranquilli si puo' godere anche delle piccole cose, come questo piatto che ci regala un arcobaleno di colori e di sapori

    RispondiElimina
  55. Passo da te..e la giornata appare ancor più bella!!!!!!!
    Sei un tesoro...da tenere stretto stretto...al cuore!!!!!!
    Un bacione ed un abbraccio!!!!!!

    RispondiElimina
  56. ti auguro di mantenere sempre questa qualità!godere delle piccole cose è bellissimo come deve essere gustoso questo piatto!

    RispondiElimina
  57. Sei una persona davvero fantastica...I tuoi post raccontano tutto di te.......oltre alle ricette, conosciamo ogni volta la tua semplicità e voglia di vivere... Brava davvero.....

    RispondiElimina
  58. Sai che non ho mai provato il mango? E non so quindi se mi piace.... Ma queste foto mi fanno venire una gran voglia di provarlo!

    RispondiElimina
  59. la ricetta mi piace molto molto fusion style!E tu sei una bellissima persona perchè hai saputo mantenere "il fanciullino" che è in te (come diceva il Pascoli ) e sai emozionarti davanti alla natura. sei una persona sensibile e romantica e mi piacerebbe tanto conoscerti per ascoltare le tue parole.Grazie Buona notte

    RispondiElimina
  60. Ho scoperto adesso il tuo blog, e ho scoperto un po' di te con questo post, mi sembra d'essermi persa un mondo! Uno dei motivi per cui è iniziata la storia con mio marito è stato il suo stupore mentre mi guardava inseguire le lucciole in una notte di maggio, gridolini infantili d'emozione uscivano dalla mia bocca senza che me ne rendessi conto... e poi lui m'ha detto: "ma esistono ancora donne che si emozionano per le lucciole" Ecc, credo di capire che siamo davvero in tante!
    baci

    RispondiElimina
  61. bella ricetta!! invitante e fresca.. da provare!

    RispondiElimina