lunedì 27 giugno 2011

Tartelette (crostatine) di frolla di pistacchio al lemon curd e lamponi, una metafora della vita



Forse avrei voluto darvi un mondo ovattato, perchè cadiate senza mai sbucciarvi un ginocchio; una vita fatta di zucchero filato, una nuvola senza peso, sempre dolce. 
O avrei potuto darvi una vita senza lacrime, da vivere sotto un obrello multicolore che ripara dai dispiaceri, dal dolore e dalle verità che fanno male.
E in un abbraccio costante potrei proteggervi dal mondo, dall'inverno, dagli errori, e potrei camminare davanti a voi, per spianarvi la strada, e togliere i rovi, i sassi, gli ostacoli.
Ma vi ho dato una vita vera, piena di sentieri ritorti, e vi lascio correre davanti, cadere per imparare a rialzarvi, perchè la vita con i suoi contrasti, ci insegna chi siamo. Perchè come le piante, per crescere si ha bisogno del sole, ma anche delle nuvole nere che portano la pioggia.
Vi ho regalato un'esistenza dolce come una frolla, ma agria come il limone.
Vi auguro una vita:
verde speranza come il pistacchio
giallo brillante come il sole e il limone
rosso amore come il lampone.

A Matìas, Pablo e Lorenzo.







Crostatine di frolla di pistacchio, al lemon curd e lamponi

Ingredienti per 12 crostatine individuali:

Per la frolla al pistacchio:
270 gr di farina
100 gr di zucchero a velo
40 gr di pistacchio ridotto in polvere
40 gr di pasta di pistacchio (ricetta qui)
125 gr di burro
1 uovo
1 pizzico di sale


Per il lemon curd:
(ricetta presa dalla rivista Saveurs n° 182, marzo-aprile 2011)
2 bei limoni bio
2 uova intere
2 tuorli d'uovo
50 gr di zucchero
60 gr di burro

150 gr di lamponi (o 4 per ogni crostatina)




Per il lemon curd: Grattare la buccia dei limoni, avendo cura di non grattare la parte bianca, ma solo la gialla, e spermete il loro succo. In una terrina, lavorate energicamente la buccia e il succo dei limoni, le uova, i tuorli e lo zucchero, fino ad avere una consistenza omogenea. Aggiungete il burro tagliato a pezzetti e mettete la terrina sul fuoco in bagno maria, sbattendo regolarmente con una frusta, per circa 20 minuti, fino a quando sarà diventato cremoso e coprirà il dorso di un cucchiaio. Lasciar raffreddare completamente e mettere in frigo in un recipiente ermetico fino al momento dell'utilizzazione

Per la frolla: Setacciare insieme la farina, lo zucchero e la polvere di pistacchio. Aggiungere l'uovo e cominciare a impastare. Aggiungere quindi il burro e la pasta di pistacchio fino ad ottenere una pasta in "palla", che si avvolgerà in pellicola trasparente e si metterà a riposare una mezz'ora in frigo prima di usarla.

Stendere le frolla e foderarci 12 stampi da crostatina individuali. Praticare dei buchetti sul fondo con una forchetta. Cuocere a 180° per 20 min, o fino a che saranno cotte, e leggermente dorate. Lasciarle raffreddare. Riempirle con il lemon curd e decorarle con i lamponi.

54 commenti:

  1. Uff.... mi hai fatto commuovere di prima mattina!!!! Ti adoro, ma mi sa che sono ripetitiva! Bello, bello, bello! Non ho mai provato il lemon curd, lo leggo un po' ovunque... mi piace il nome e il limone, e la tua ricetta mi convince, credo sia venuto il momento di provare! Una buona girnata, gioia! ^_^

    RispondiElimina
  2. Le lacrime stanno rigando le mie guance! Penso sempre a tutto ciò, ma non avrei saputo dirlo con parole così belle, o almeno con così poche...visto che scrivo sempre pagin e pagine di diario....hai davvero ragione, agli alberi serve sole, pioggia e anche vento...ma a volte ci domandiamo perchè tanto male...eppure troviamo la forza di tirarci su, perchè la vita è bella! questo dobbiamo insegnare loro, a trovare dentro loro questa forza e questo coraggio...certo, con tutto questo amore, lo troveranno!Ti ringrazio di essere come sei!

    RispondiElimina
  3. Ragazza...che poesia..... e comunque sono certa che tutto il meglio e l'evitabile lo farai sempre per i tuoi tre figli!!!

    Buona giornata... bellissima ricetta, ma il pistacchio in farina l'hai comprato?? perchè se ci provo con il robot, mi diventa crema, o va bene anche così??? Buon inizio settimana, baci, Flavia

    RispondiElimina
  4. Tesoro un bel modo per augurare il meglio ai propri figli con questa metafora golosa...noi vorremmo smepre e solo la loro felicità ma una vita senza ostacoli nn li aiuterebbe a crescere quindi il nostro compito forse è solo quello di vederli crescere ed esserci sempre quando hanno bisogno di noi....io adesso sai di cosa avrei bisogno??Di una di queste tartellette per iniziare alla grande la giornata!!!Bacioni.,imma

    RispondiElimina
  5. parole, sante, Sacre, in una bellissima poesia
    Grazie!

    RispondiElimina
  6. Ci fai iniziare in dolcezza la settimana, fantastiche queste tartelette!
    E che meraviglioso insegnamento ai tuoi bimbi!

    RispondiElimina
  7. Hai sempre parole speciali che arrivano dritte al cuore. Una vita solo rosa e solo dolce non sarebbe vita ma favola e forse risulterebbe anche un po’ stucchevole e monotona. Le cadute e le lacrime fanno apprezzare di più i successi e la gioia. Sei speciale come donna e come mamma tesoro, un abbraccio

    P.S. le tartellette...no comment! Sono svenuta prima :))

    RispondiElimina
  8. bellissime e sagge parole!!
    Complimenti per tutto , le crostatine sono la fine del mondo!!
    bravissima buon lunedì
    Anna

    RispondiElimina
  9. che golosi!!! ne assaggerei volentieri uno, anche se poi lo so non mi fermerei più e li mangerei tutti :)

    RispondiElimina
  10. direi ...impegnativa ma sfiziosa, non sempre facile ma alla fine con una sorta di dolce come queste tartellette.ottime

    RispondiElimina
  11. ma che belle parole, profonde e con metafore dolcissime!
    anche le tue crostatine non sono da meno, devono essere semplicemente deliziose! ;)

    RispondiElimina
  12. Che bella dedica per dei figli.. io per ora immagino che queste parole siano state dette dalla mia mamma.. poi un giorno (spero non troppo lontano) chissà!!!! Intanto mangio una delle tue crostatine.. baci e buon inizio settimana :-D

    RispondiElimina
  13. Mi hai fatto battere il cuore, nel vero senso della parola. Una dedica emozionante.
    E così, delle "semplici" tartellette, sono diventate qualcosa di speciale, molto speciale!

    RispondiElimina
  14. Che bella dedica, da pelledoca!
    Un bacione
    Stefania Profumi&Sapori

    RispondiElimina
  15. Che bella dedica!!!Sei veramente dolce, come le tue crostatine, sono davvero da mangiare con gli occhi, finchè non sarà possibile farle!;)
    Buona giornata!
    Vevi

    RispondiElimina
  16. Che dolce questo post.. i hai lasciata senza parole, che posso dirti?

    RispondiElimina
  17. Come sempre le mie parole sono inadeguate ed incapaci ad esprimere i sentimenti e le emozioni che provo nel leggerti...buona settimana.

    RispondiElimina
  18. Un augurio bellissimo!! E bellissime anche queste crostatine accidenti!! Ho giusto ancora un po' di lemon curd ...mi sa che te le copio.
    Buon lunedì!!

    RispondiElimina
  19. Assolutamente irresistibile nei sapori, nelle consistenze...mmm

    RispondiElimina
  20. Bellissimo post, ricco di speranza e di vita vera. Anche le nuvole nere portano speranza e vita.
    Ti abbraccio.. presa dalla poesia, quasi dimenticavo, ottime le tartellette :)

    RispondiElimina
  21. Sulla metafora della vita non so, ci devo riflettere, io ho avuto un'infanzia un po' difficile ed ai miei bambini voglio offrire un'infanzia un po' 'ovattata', finche' sono bambini. In fondo tante cose cambiano in continuazione e anche le strade spianate presentano difficolta', e visto che non ti stanno sempre sotto alla gonna di opportunita' di sbucciarsi i ginocchi (metafora) ne hanno a palate, ma tu mamma sei, e per anni rimarrai, un punto fisso dove tornare per il cerotto. Offrigli opportunita', ma anche un posto sicuro piu' grande del tuo cuore.

    RispondiElimina
  22. che tenerezza in questo post!! :-)) incorniciato dalla dolcezza di queste tartelle deliziose! brava! mi sa che ci hai fatte commuovere tutte! :-)

    RispondiElimina
  23. Il tuo augurio oltre che meravigliosamente vibrante è "sano"...oggi cerchiamo un po' tutti di far vivere i nostri figli come se il dolore della vita non li dovesse mai toccare, il risultato è, a mio avviso che soffrono per poco, ma siccome il dolore come la gioia, l'amore come la solitudine fanno parte della vita di ognuno di noi dovremmo cercare di far nostre le tue parole...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  24. Rendi poesia quello che scrivi. In una metafora golosissima hai saputo racchiudere quello che ognuno di noi vorrebbe per se e per le persone che ama.

    Dolcissima, come sempre e dolcissima come le tue tartellette . Un forte abbraccio e un bacio ai tuoi tre splendori :*

    RispondiElimina
  25. adoro i pistacchi, quindi devo provarle assolutamente...intanto posso prenderne una?!

    RispondiElimina
  26. sono die bimbi molto fortunati ;)

    RispondiElimina
  27. Io ho avuto un'infanzia molto serena, molto facile, per fortuna, facile nel senso che mia sorella ed io avevamo un bel giardino dove giocare, una città piccola e sempre qualcuno che pensava a noi (sintetizzo), questo ho fatto con i miei figli. Me li sono voluti godere, sono stata con loro ogni attimo in questi 20 anni,(non tutti e 20!!!) ho letto loro tutte le fiabe del mondo, ho giocato con loro, costruito giocattoli e guardato l'Albero Azzurro, portati fuori nei parchi e a visitare Roma sempre. Lo rifarei. C'è un rapporto molto aperto e molto libero tra di noi, loro sono due ragazzi sereni, hanno scelto liberamente la loro strada e questo è importante...io sono qui. Ha ragione Alessandra, devono capire che quando hanno bisogno del cerotto, tu sei lì pronta a darglielo...
    Le crostatine sono wow....un abbraccio

    RispondiElimina
  28. Che bella che sei...In ogni senso
    E hai dei figli fortunati.
    Questa tartelette sono un delirio...Troppo buone!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  29. Questo post mi ha così emozionato...che è come se l'avessi scritto io... Ogni altra parola è inutile... :)

    RispondiElimina
  30. Bellissima questa poesia... rispecchia la bella persona che sei! I tuoi figli saranno orgogliosi di avere una madre così! Poi con dolci come questi... un abbraccio cara

    RispondiElimina
  31. Una metafora di vita stupenda che da mamma a mamma regala quella commozione che fa la differenza,tra una poesia e una poesia scritta col cuore :) ottima ricetta,delizioso abbinamento e foto invogliante :) Bacio a te e ai tuoi 3 ometti!!

    RispondiElimina
  32. Che bellissimo post Ele, non potresrti regalare una vita migliore ai tuoi figli. E con una mamma che e' anche una cuoca bravissima non potrebbero desiderare di meglio :D

    RispondiElimina
  33. Che bel post, mi hai fatto commuovere, che mamma meravigliosa sei!!! E complimenti per queste crostatine.... :)

    RispondiElimina
  34. la dichiarazione di una mamma, anzi di una vera e ottima mamma, baci.

    RispondiElimina
  35. bellissima dedica!
    le tartellette sono una vera tentazione, adoro pistacchi e lamponi.
    bacioni

    RispondiElimina
  36. Certo che a livello di cibo li vizi.
    Anch'io, ti prego.

    RispondiElimina
  37. Sei splendida!!! Come commentare ciò che hai scritto, sono parole scritte nel silenzio venute dal cuore non possono che arrivare direttamente a loro!!! Hai scritto di ciò che ami...e scrivere con il cuore diventa un'arte come le tue creazioni, ma come sempre il cibo passa in secondo piano... Ma solo perché i km son tanti!!! Baci. Tvb.(consentito come amico!!!)

    RispondiElimina
  38. Belle parole e bella ricetta. Post perfetto!

    RispondiElimina
  39. che bellissime parole...non da meno però le tartellette!!!mi hai fatto venire una voglia:)

    RispondiElimina
  40. Mi devo ripete....hai un cuore grande....e sei una mamma stupenda!! Un bacio

    RispondiElimina
  41. bellissima la dedica!
    la pasta frolla al pistacchio è una meravilgia! :)

    RispondiElimina
  42. Un post stupendo!!!
    Vorrei poter proteggere mia figlia, da tutto e tutti, ma.. questo non insegna a vivere!!!
    Le tue crostatine sono favolose, racchiudono colori e sapori unici!!!!
    Un abbraccio e un grosso bacio!!!!!

    RispondiElimina
  43. con tutta questa dolcezza possiamo andare a nanna più sereni *.*
    sono 3 cuccioli fortunati con una mamma così^_^
    p.s. mmm la frolla al pistacchio ci intriga parecchio

    RispondiElimina
  44. che mamma dolcissima! E che dolcissime crostatine, sei sempre favolosa!

    RispondiElimina
  45. Amore materno allo stato puro. Bimbi fortunati...
    anche perchè quetse tartellette sono speciali!
    Un bacio

    RispondiElimina
  46. OODDIOOO mi fai commuovere con questi post.. maledetta :D cmq... lamponi, lemon curd.. ma che dire? se non WOW... deso sperimentare anche io queste tartelle.. poi l'abbinamento cn il pistacchio mi ispira un sacchissimo :D bacioni

    RispondiElimina
  47. Sei dolcissima...un post meraviglioso!
    Adoro le crostatine con la frutta, e queste devono essere deliziose! Complimenti!

    RispondiElimina
  48. Il dolcino è fantastico! Lo sai che io vedo subito la foto e poi il resto....
    ma il post iniziale è più dolce del dolcino in sè:)
    Che carina!^_^

    RispondiElimina
  49. che cosa vedono i miei occhi!! questi dolcini sono davvero meravigliosi e anche la dedica... mi ha fatto riflettere ed è bellissima.

    RispondiElimina
  50. urca, immagino che i sapori dolci e acidi di queste tartelettes si sposino a meraviglia... ricetta salvata!
    sere

    RispondiElimina
  51. ho preso al volo una crostatina che era uscita dallo schermo, che buona! un bacione, a presto!

    RispondiElimina
  52. Parole profonde e toccanti le tue, cara Ele! Una poesia sincera e realistica per le gioie della tua vita! Riesci sempre a toccarmi con i tuoi post!E queste tartellette agli occhi di quel significato diventano ancor più speciali! Un bacione

    RispondiElimina