lunedì 9 luglio 2012

Gratin di melanzane, con labneh e acciughe





È sempre li, al mercato di Place d'Armes. Il suo bancone non è altro che una gran tavola di legno consunto con due ruote a mo' di carrello. In questo periodo lo riveste di foglie di fico, il cui aroma si sente da qualche metro di lontananza e sulle quali adagia i suoi prodotti freschi di giornata. Vende latte fresco, di quello che ha ancora tutta la crema in superficie, cagliate, formaggio appena fatto e un labneh che solo a vederlo fa gola. È un uomo di mezza età, pelle color cannella, occhi profondi che vende il frutto del suo lavoro e che immancabilmente, come quasi tutti i marocchini, sorride alla gente e alla vita. 
Non so come si chiama, il mio piccolo suole chiamarlo Sahbi, amico mio, in arabo marocchino. Amico suo perchè lo vizia, facendogli ogni volta provare di tutto e di più, prendendolo in braccio per alzarlo e fargli vedere cosa c'è in ognuno dei bidoncini di plastica colorata che sono attorno al suo bancone portatile. E il piccolo si delizia occhi e palato.
È una delle faccette del Marocco che più amo, il lato umano e la gentilezza delle persone. È la parte di Marocco che ti prende dal fondo del cuore, che ti fa attaccare a questo paese e e alla sua gente adorabile e squisita, come quest'uomo e il suo labneh, frutto di lavoro e pazienza, prodotto dalle stesse mani che te lo offrono al mercato con un gran srorriso che rischiara la giornata.
 
 
Gratin di melanzane con labneh e acciughe

1 kg di melanzane
450 gr di labneh*
Mezzo bicchiere di latte
4 pomodori maturi
10 gr di acciughe sott'olio
olio extra vergine di oliva
origano 
sale
pepe
parmigiano, quanto basta




Affettare le melanzane in fette sottili e grigliarle da ambi lati.  Mischiare il labneh con il latte per ammorbidirlo e trasformarlo in crema, la quantità di latte veria a secondo della consistenza del labneh che potrebbe essere più o meno denso. Condire questa crema con un pochino di sale e pepe nero, macinato al momento e mischiarci le accuughe tagliate a pezzetti.
Ungere una teglia con olio e fare un primo strato di melanzane, coprire con pomori tagliati a fette, irrorare un poco con olio, spolverare di origano e coprire con la crema di labneh. E così successivamente fino a terminare gli ingredienti, finendo con uno strato di melanzane che bisogna condire solamente con olio. Spolverare di parmigiano grattuggiato e infornare a 180°C in forno già caldo per 20 minuti.

* Il labneh è un formaggio cremoso a base di yogurt facilissimo da fare in casa. Qui da Jasmine e Manuel trovate tutto il procedimento, nel caso voleste lanciarvi in quest'avventura.



16 commenti:

  1. Che grande fortuna hai di vivere in questo posto, simile per certe cose, ma molto diverso dalla mia sicilia. Non sono mai stata ma conosco molte cose, tutti racconti nostalgici dei miei allievi .
    Il tuo tortino poi è bellissimo e buonissimo... Formaggi in casa, a meno della pseudo ricotta non ne ho mai fatti, magari provo questo qui :) Ciaooo

    RispondiElimina
  2. E meno male che hai il blocco dello scrittore!! Ogni volta che descrivi angoli e personaggi del paese che ti ospita, mi fai venire voglia di partire subito, senza nemmeno fare le valigie...Che esperienza meravigliosa che state facendo...Sai quanto mi piaccia pasticciare col fatto in casa: questo labneh non me posso lasciar scappare...cosi' poi mi gusto anche le tue melanzane! Un bacione tesora, buona settimana.

    RispondiElimina
  3. Che bella ricetta ... molto golosa ;))
    Ciao Eleonora un saluto dai viaggiatori golosi ...

    RispondiElimina
  4. Me l'immagino il tuo mercato, con le tue parole è sempre più reale...prima o poi vengo a trovarti per vedere con i miei occhi quello che descrivi, perchè sembra fantastico....come questo gratin!

    RispondiElimina
  5. che piatto fantasticoooooooo!!! strepitoso!

    RispondiElimina
  6. Questo piatto è sicuramente delizioso!

    RispondiElimina
  7. Sembra buonissima! Un'alternativa alla melanzana fritta, più leggera e sfiziosa!

    RispondiElimina
  8. wow ha un aspetto da leccarsi i baffi!

    RispondiElimina
  9. è una ricetta invitante, la farò, ma prima dimmi, labneh e labna sono la stessa cosa? io lo faccio spesso ma con lo yogurt greco....le melanzane sono buone con tutto...baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si, sono la stessa cosa. con le parole ebraiche e arabe capitano spesso differenza di traslitterazione, ma il prodotto, quello non cambia

      Elimina
  10. ma quanto è bello questo gratin,e quanto sei bella tu...ele...la bellezza è negli occhi di chi guarda, e l'amore...in quelli di chi ama!

    RispondiElimina
  11. mmmm...che fame....buonissimo!!!

    RispondiElimina
  12. Certe che deve essere un luogo magico, pieno di contraddizioni e problemi ha anche ricco, di storia, di profumi e di magie.

    RispondiElimina
  13. quante scoperte passando da te :-) mai assaggiato il labneh, sbircerò come si fa a crearlo in casa!

    RispondiElimina
  14. Che bella immagine che ci hai regalato, da quello che hai scritto traspare rispetto e intelligenza.
    Il tuo tortino ha sicuramente una marcia in più con quel labneh.

    RispondiElimina
  15. Ecco, mi stavo giusto chiedendo se era possibile provare a fare il labneh a casa e ho trovato la risposta, grazie! :)

    RispondiElimina