martedì 24 marzo 2015

Quiche allla bieta, con Bleu d'Auvergne, pere e noci



Quando ero piccola detestavo la bieta. Non c'era verso di farmela mangiare sebbene fosse un contorno molto (e fin troppo) comune sulla nostra tavola, soprattutto a inizio della primavera, epoca in cui cresceva riglogliosissima in una parte del giardino senza che nessuno l'avesse mai seminata o piantata. Erba gratis. Mia madre ne faceva uso e abuso, ma sempre e solo bollita e condita con olio e limone. Che gioia.
Da grande, non l'ho mai neanche guardata o considerata prima della Pasqualina di Vittoria, proprio al MTC. E fu amore.
Quest'anno in Marocco la bieta è stata straordinariamente buona e abbondante durante la seconda metà dell'inverno e quest'inizio di primavera. L'ho proposta in tanti modi, dal metterla nella pasta, al farci il risotto, o gratinata, insieme a broccoli e fagioli e altro ancora. Un altro mondo. Mi manca solo il coraggio di provarla lessata con olio e  limone. Ma anche no.
Ancora una volta ho dovuto scegliere tra l'uso del burro o della carne e come al solito ha vinto il burro, perchè diciamocelo, la brisée all'olio o alla margarina non esiste proprio almeno a casa mia.
Sono allora andata al mercato in cerca d'idee per la quiche e quel fascione di bieta propostomi dal mio verduraio di fiducia mi ha dato la risposta per la mia quiche obbligatoriamente vegetariana.
Hanno completato il resto il Bleu d'Auvergne, formaggio erborinato che adoro e che, stranamente anche i bambini amano e le pere, piccole e dolci, prodotte in Marocco a dare una nota di dolcezza che spezzasse con il resto. Le noci sono state aggiunte in corso d'opera per avere un gioco di consistenze e una nota croccante nel ripieno morbido.
Il sapore di questa quiche era per me straordinario, modestia a parte. Sébastien che compiva due anni il giorno in cui l'ho fatta, ne ha mangiate due fette dopo averci spento la candelina a forma di due. Lolo, che in questi ultimi mesi vive d'aria e frutta, l'ha mangiata volentieri...un gran traguardo!
La tecnica di cottura in bianco spiegata dalla Mapi (link più giù) mi ha permesso di avere una quiche perfettamente cotta il cui fondo non è rimasto più morbido del resto come spesso mi accade. 
Gusto e consistenza da sballo insomma.
Ma, e c'è un ma, ho commesso due errori: Ho usato uno stampo da crostata da 30 cm invece di 28 come da ricetta di Flavia, perchè con fondo amovibile avevo solo quello e quindi la pasta è stata stesa troppo sottile. L'altro errore è che ho distribuito male il ripieno, per cui da una parte è straripato, causando una differenza notevole di cottura in superficie, come si può vedere dalla foto.
Adesso ho uno stampo da crostata più piccolo e credo che mi prenderò una rivincita personale su questa pasta brisée del Maestro Roux, perchè merita davvero. Personalmente, credo che l'adotterò anche per il futuro, come fu per la pasta delle crêpes del MTC, adottata e mai più cambiata.
 

Quiche alla bieta, Bleu d'Auvergne, pere e noci

Ingredienti per una quiche di 28 cm

375 g di basta brisée di Michel Roux (ricetta e trucchi da Flavia)

250 g di Bleu d'Auvergne
400 g di bieta
1 manciata di gherigli di noci
2 pere piccole
250 ml di crème fraîche densa
2 uova sbattute
1 spicchio d'aglio
olio extra vergine d'oliva
sale e pepe


Per la ricetta della pasta brisée e i suoi trucchi e barbatrucchi vi rimando qui
Per i segreti dellala cottura in bianco, vi rimando qui



Lavare, asciugare e tagliare sottilmente la bieta, usando le foglie e la parte più tenera delle coste. In una padella, riscaldare l'olio e far soffriggere l'aglio senza bruciarlo e aggiungere la bieta, salare  e pepare al gusto e abbassare il fuoco e cuocere fino a che la verdura rarà "appassita" e le coste cotte.
Mischiare la crème fraîche con le uova, aggiungendo un po' di sale, tenendo in conto che già ce n'è nella bieta. Tagliare le pere a cubetti. Sbriciolare il Bleu d'Auverge. Sminuzzare grossolanamente i gherigli di noci.
Nel guscio di pasta cotto in bianco, adagiare la bieta, avendo tolto lo spicchio d'aglio, poi sparpagliare sopra di essa il resto degli ingredienti. Coprire con il composto di crema e uova.


Infornare in forno caldo a 180°C per 45 minuti circa o fino a che il ripieno si sia rappreso e dorato.


Con questa ricetta partecipo al MTC di marzo, 2015.



9 commenti:

  1. Io amo la bieta, anche bollita con olio e limone. La mangerei ovunque e in qualunque modo. Peccato che ai piccoli non piace tanto, al massimo la mangiano in brodo vegetale, frullata naturalmente.
    La tua quiche mette appetito solo a guardarla. Non conosco il formaggio erborinato di cui parli, deve essere buonissimo. Una bella proposta. Bravissima.

    RispondiElimina
  2. Iniziamo dalla bieta..io la aodro particolarmente bollita cpn ottimo olio extra vergine d'oliva e limone, ma anche nei ripieni come hai saputo magistralente fare tu in questa quiche, dove hai saputo lavorare bene sia negli abbinamenti dei sapori che sulle consistenze.... onoratissima che la sfida MTC di questo mese sia stata la "tarte" di compleanno del tuo Sebastien...e felice che Lolo in questo periodo partiicolare l'abbia apprezzata! Ora però aspetterei la quiche nella teglia giusta ahahahahah..bacioni cara Flavia

    RispondiElimina
  3. Anche io ho un rapporto un po' problematico con le biete,ma accompagnate al formaggio erborinato devono essere buonissime!

    RispondiElimina
  4. A me è sempre piaciuta... Anche bollita e con olio extravergine e limone. Anzi così è la morte sua!! 😁
    Però ora devi assaggiare che le rape rosse... Scusa eh... A loro non dai una seconda possibilità??
    Comunque non conosco questo erborinato, mi hai messo tanta curiosità. Chissà se qui si trova... Anche se ho i miei dubbi... :(

    RispondiElimina
  5. Io adoro la bieta e questo modi di fare la frolla mi ha entusiasmato!

    RispondiElimina
  6. Per me la tua parte è fantastica! Biete e formaggi erborinati stanno a meraviglia...!
    ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Persino io che ho difficoltà con il "verde " mangerei questa delizia . . . brava brava brava ^_^

    RispondiElimina
  8. I can advise you to pay attention on information from https://celltrackingapps.com/. Here you can learn more about using phone tracker

    RispondiElimina
  9. This exceeded my expectations and is better than anything else I have used. I would definitely recommend it for such service

    Get in touch with
    Global Hackers Team

    RispondiElimina