mercoledì 8 giugno 2011

vellutata di avocado e mais con pop corn al curry...l'albero del poeta




Era nato in quella casa fatta di lamine di zinco, tra il campo di mais e il fiume. La stessa casa che tremava durante la stagione delle pioggie, per la forza brutale del rio che spazzava tutto al suo passo e che mangiava la terra dei bordi, inorridendo di paura gli abitanti di quella baracca che loro chiamavano casa.
È il nord del Costa Rica, quello rurale, senza spiagge bianche e palme paradisiache, dove la terra scotta sotto i piedi scalzi nei mesi secchi e si affonda nel fango quando piove.
Era nato quel giorno, in cue le stelle si alliearono in quella maniera insolita e rara che succede solamente quando nasce un poeta. E quel giorno stesso, ancora affannata dai dolori e la fatica, sua madre chiese di mangiare un avocado e si alzò dal letto e piantò il gran seme, a pochi metri dalla stamberga.
Nessuno sapeva che quel gracile bambino appena arrivato al mondo era nato con un bagaglio di parole, messe a caso in subbuglio nella sua anima e che durante tutta la sua vita avrebbe poi messo a posto in versi, che non sarebbero mai stati scritti.
Non lo disse mai a nessuno. Non imparò a scrivere perchè la miseria attanaglia anche i sogni, ma apprese a cantare le sue poesie e a raccontarle all'albero che era nato insieme a lui. E l'albero come per una sorta di sortilegio, assorbiva le parole e le custodiva dentro di se, regalanole poi a chi assaggiase i suoi frutti.
Era per questo che ogni volta che qualcuno mangiasse un avocado di quell'albero, si sentiva invaso da una calma indescrittibile e delle parole in versi impronunciabili invadevano lo spirito mentre una voce invisibile sussurrava una poesia che alimentava l'anima.
Fra il campo di mais e l'albero amico, il poeta fece la sua vita, camminando sempre scalzo e senza mai sapere che dietro le colline ci fosse un mondo e che le parole si possono scrivere per conservarle. 
A voi, vi dico semplicemente che ogni volta che tagliate un avocado, fate attenzione, aprite il vostro spirito, perchè il frutto potrebbe sussurrarvi una poesia.

Nota dell'autore: In America Centrale, dove si svolge questa storia, la miseria colpisce tante famiglie i cui bambini sono obbligati a lavorare al nero in tenera età, senza aver diritto alla scuola. Li, e in tante altre parti del mondo, la povertà picchia così duramente che molti talenti naturali, di tutti i generi, si perdono per mancanza di opportunità.

Dal mais del suo campo, e dall'avocado che mi ha sussurrato una poesia e raccontato questa storia, vi presento oggi questa ricetta:




Vellutata di avocado e mais con pop corn al curry

Ingredienti per 8 persone
4 avocados
150 gr di mais dolce
1 cipolla bianca
peproncino al gusto
il succo di un lime
un filo di olio extra vergine d'oliva
400 ml di panna
un po' di latte, se necessario
sale 
pepe
una manciata di mais da pop corn
olio
curry al gusto




Avviare il mixer con gli avocados sbucciati, il mais, la cipolla, il peperoncino, il succo di lime e un filo d'olio d'oliva extra vergine. Salare e pepare e aggiungere la panna. Aggiungere del latte se necessario, per arrivare alla consistenza desiderata. Io la volevo un poco più liquida e ne ho aggiunti 50 ml, circa.
Metter in frigo almeno due ore, prima di servire.
Mschiare qualche cucchiaio di'olio da friggere con un cucchiaio colmo di curry e bagnarci il mais da popcorn in modo da impregarlo totalmente. In una padella, far scaldare dell'altro oilo e gettarci il mais al curry, coprire e appena comincia a scoppiettare, abbassare il fuoco per non tostare i semi e totiegliere dal fuoco immediatamente dopo l'ultimo scoppiettio. Salare i pop corn e spolverizzarli di curry
Servire la vellutata fredda, guarnita dai pop corn ancora caldi, a modo di crostini.

Non mi fate quella faccia! vi assicuro che è deliziosa!

Grazie allo chef Gualtiero Villa che mi hato la dritta per come fare i pop corn speziati. Se non conoscete il suo blog, è l'ora di andarci.

59 commenti:

  1. Da oggi in poi quando aprirò un avocado penserò a te e a questa storia struggente e allo tempo ricca di dolcezza e sentimenti....le tue parole amica mia sanno smepre come incantarmi!!!Anzi sai che ti dico??Proverò proprio questa tua vellutata cosi invitante e particolare!!Bacioni,Imma

    RispondiElimina
  2. Non faccio nessuna faccia, solo rimango a bocca aperta per la stupenda storia... e per la ricetta deliziosa.
    ps. Gualtiero Villa è lo chef che mi ha insegnato a fare gli gnocchi perfetti e gli spatzle, che adoro!

    RispondiElimina
  3. Wowwwwma racconto profondo!! molto ma molto bello! E la tua è una ricettamolto particolare... a me purtroppo l'avocado non piace.. vabbè.. smack :-)

    RispondiElimina
  4. Tesoro, mi ricorda tanto la sopa azteca mangiata in Messico qualche anno fa (tortillas a parte :))... mamma quanto mi piacerebbe ritornarci: ci ho lasciato un pezzetto di cuore!!
    Bellissima storia e ricetta spettacolare... ma quanto sei brava!!!!
    Un abbraccione
    Eli

    RispondiElimina
  5. Questa vellutata è adorabile come la storia che ci hai raccontato!!! Penserò sempre al giovane poeta ogni volta che taglierò un avocado...i pop-corn che adoro da sempre, devono essere eccezionali con il curry e li proverò sicuramente!!! Un bacione e buona giornata!!

    RispondiElimina
  6. Non conoscevo questa poesia. ma conosco bene la relatà di quei pasi, troppo straziati dalla povertà troppo illusi da una finta ricchezza.

    La ricetta è particolarissima e degna di rappresentare questa poesia e il suo autore.

    Ti abbraccio forte forte. Un bacino Angela

    RispondiElimina
  7. che bel racconto. come sempre è impossibile rimanere indifferenti leggendoti.

    RispondiElimina
  8. Posso dirti che mi hanno commosso sia il racconto che la ricetta? Quelle foto emanano la stessa luce che emana da ciò che hai narrato.

    Un abbraccio Ele :)

    RispondiElimina
  9. Davvero originale l'aggiunta dei pop corn. I bambini sono sicura che l'hanno mangiata tutta!! :)

    RispondiElimina
  10. Bellissimo racconto, davvero toccante. Mi piace moltissimo la ricetta, bacio

    RispondiElimina
  11. MA come fai...mi sorprendi sempre! Voglio una raccolta dei tuoi raccontiiii...e idem per le ricette =). Ci hai mai pensato?!
    Besos

    RispondiElimina
  12. L'idea dei pop corn mi piace tantissimo, mi sa che proverò ma non con l'avocado che non incontra il mio palato. Un abbraccio e a presto!

    RispondiElimina
  13. Grande!!! Bellissima la storia, che emozione!
    Io l'avocado proprio lo detesto, ma il pop corm speziato lo cercavo da tempo e finalmente lo posso fare! Grazie, mi sento in debito!!!

    Un abbraccio e a presto
    Paola

    RispondiElimina
  14. Ci credo eccome, anche perche' ho appena fatto qualcosa di mooooolto simile ;-)

    E come al solito leggerti e' davvero un piacere.

    RispondiElimina
  15. Bella l'idea di usare i popcorn invece dei croutons :-).

    Ci ho messo 10 minuti a scrivere questa... per qualche strana ragione non si aprivano i commenti! Mi sa che comincio ad avere troppi problmi con blogger :-0!

    Ciao
    A.

    RispondiElimina
  16. fantastica! amo tutto in questa vellutata!!!

    RispondiElimina
  17. Quante cose può raccontare un avocado?
    Dopo aver letto queste parole non posso far altro che pensare: ma quanto siamo fortunati?
    Lo siamo così tanto che non ci rendiamo neanche conto di esserlo e pretendiamo sempre di più.

    Uhmmm popcor nella vellutata?? Sfiziosissima!!

    RispondiElimina
  18. Eccoli i pop corn!! Non vedevo l'ora di vedere come li avresti fatti...e adesso non vedo l'ora di provarli...un bacione fortissimo ciao

    RispondiElimina
  19. le tue storie mi fanno diventare triste, ma le tue ricette mi fanno un piacere immenso, le adoro...un abbraccio. La belva l'hai liberata?

    RispondiElimina
  20. Ma com'è possibile che ogni volta che leggo uno dei tuoi racconti mi pare più bello di quello precedente!!! Se davvero unica Ele....complimenti per la storia e per la ricetta!! Ogni volta che aprirò un avocado sarai nei miei pensieri!!
    Ciaooo, un bacione

    RispondiElimina
  21. wow...da leccarsi i baffiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  22. Un piatto davvero originale, intrigante e golosissimo! La vellutata all'avocado non l'ho mai assaggiata ma mi ispira un casino!!!

    RispondiElimina
  23. Bellissimo racconto che purtroppo fa riferimento ad una realtà ancora in essere in tantissime parti del mondo.. per la ricetta nessuna faccia strana ma un gran bel sorriso, l'avocado mi piace molto e questa vellutata la voglio proprio provare cosi' come ce la proponi..dev'essere buonissima :)
    un bacione!

    RispondiElimina
  24. devo assolutamente copiartela....mi incuriosisce! Poi ti dirò.ciao

    RispondiElimina
  25. In questa giornata piovosa il tuo post malinconico ci sta proprio bene, così come le foto bellissime che riprendono l'atmosfera del momento...ma come all'improvviso tra le nuvole esce il sole così la tua insolita ricetta illumina tutta la scena!!!
    Baci

    RispondiElimina
  26. originalissimo questo piatto! io amo l'avogado e già quando bevvi in myanmar lo shake fatto con questo frutto mi sembrò così strano rispetto ai soliti guacamole o insalate con cubetti di avogado.
    super!

    RispondiElimina
  27. La banalità non è mai di casa e leggerti è sempre piacevole come mangiare della cioccolata ;) mia cara proprio adesso che ti ho detto che sarei venuta a trovarti cambi casa!!!
    Va bè, vorrà dire che cambierò il contenuto della valigia e passerò a salutarti anche nella nuova meta =)
    Bacioni

    RispondiElimina
  28. Ele, persino i popcorn riesci a reinventare! Mitica la mia cuoca con l'anima da poeta.

    RispondiElimina
  29. si devo dirti che mi ispira moltissimo questa ricetta, da provare e geniale l'uso dei pop corn.la storia poi rende magico l'avocado!

    RispondiElimina
  30. Oggi ho solamente letto questo bellissimo racconto, la ricetta la salto (anche perchè non amo l'avocado ).
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  31. che racconto meraviglioso, bellissimo davvero!
    la vellutata mi piace molto, l'avocado è un frutto che amo particolrmente.
    buona serata

    RispondiElimina
  32. L'avocado mi piace da sempre, adesso, dopo la tua storia lo amo di più!
    Grande vellutata, che a me però, ricorda tanto il Messico... posto dove ho lasciato parte del cuore.
    I popcorn al curry sono geniali!

    besos!

    RispondiElimina
  33. stò in silenzio..... meditando la storia che poi tanto storia non è.... non ho mai mangiato un avocado in vita mia.... ma se mai lo farò tutto questo mi torna in mente, Conosco il blog di Gualtiero e mi piace molto come mi piace questa singolare e deliziosa crema, un bacio!

    RispondiElimina
  34. Devo assolutamente provarla!

    RispondiElimina
  35. Sei bravissima non c'è dubbio...complimenti per la vellutata è magnifica...ciao. -2

    RispondiElimina
  36. Bellissimo piatto, veramente originale, dal gusto sud americano ma con una nota speziata da medio oriente!! Bravissima Ele, baci a presto!

    RispondiElimina
  37. mamma ke bellezza! emozionante il racconto!mi piace l'accostamento che fai con cibo e lettura!
    p.s. mai utilizzato il frutto della passione..posso avere un trancio di pesce spada con il prosciutto!!ke meraviglia!!! ciao cara io parto ci risentiamo tra un paio di settimane più o meno! baciotti!

    RispondiElimina
  38. che originalità i pop corn al curry! sei irraggiungibile!

    RispondiElimina
  39. Davvero bella ricetta... originale ed innovativa bacino

    RispondiElimina
  40. la storia è toccante, la foto è stupenda e la ricetta sarà sicuramente ottima.
    Bravissima.
    Volevo invitarti a partecipare al mio contest "copiemabuone".
    CCredevo fosse una bella idea, invece non sto riscuotendo il successo sperato.
    Comunque passa a vedere di cosa si tratta.
    Ti aspetto.
    Dan/www.cucinaamoremio.com

    RispondiElimina
  41. che delizia, un mix di sapori veramente interessante, fantastico, peccato non ho tempo di cucinare in questi giorni, sono nel mezzo di un trasloco......però ho roba in archivio :-))
    baci
    cris

    RispondiElimina
  42. È talmente coinvolgente questa storia che viene voglia di mangiare subito un avocado per vedere che cosa succede.Questo post è una poesia nella poesia e anche la ricetta sembra scritta in versi.Complimenti.

    RispondiElimina
  43. Sai Eleonora che io mi farò un "libricino" con tutti i tuoi racconti? Buon fine settimana :-) mi raccomando..fai la brava e salutami Max :-)

    RispondiElimina
  44. Splendida ricetta e splendido blog...complimenti

    RispondiElimina
  45. La storia mi ha rapito... la tua ricetta la proverò di sicuro, anche perchè adesso ho un motivo in più per mangiare un avocado.
    Un abbraccio e buona giornata, Chiara

    RispondiElimina
  46. Che storia meravigliosa, mi ha fatto venire la pelle d'oca. Ora credo che tutte le volte che aprirò un avocado penserò a questa storia.

    RispondiElimina
  47. E' vero Eleonora...la poesia alimenta l'anima!!
    Che belle parole da questo racconto e una ricetta assai originale che non dubito sarà deliziosa!!

    RispondiElimina
  48. Oh....ma favoloso questo post in tutto , complimenti ciao

    RispondiElimina
  49. un piatto davvero innovativo,secondo me il pop-corn e' un modo originale di accompagnare certi piatti come le vellutate e le insalate!

    RispondiElimina
  50. Alcuni dei tuoi post mi sono rimasti nel cuore, questo è uno di quelli.
    Grazie di questo racconto e per averci ricordato che per tanti piccoli non c'è infanzia ed allegria ma solo il duro lavoro.
    Della ricetta mi fido, deve essere davvero deliziosa.

    RispondiElimina
  51. questa vellutata è a dir poco FANTASTICA!
    mi lasci a bocca aperta :O
    complimenti!

    RispondiElimina
  52. non mi piace! non mi sembra buono, ne ho visto tante, migliori di questa........

    RispondiElimina
  53. Meravigliosa e originalissima questa ricetta!
    Adoro il tuo blog, perché ogni storia o racconto che fa da introduzione alla ricetta non fa altro che aumentare la voglia di cucinare subito i tuoi piatti meravigliosi!

    RispondiElimina
  54. Simpatico Anonimo. Non c'hai coraggio di firmarti?
    Vabbè, mi faccio gli affari miei.
    Dann/www.cucinaamoremio.com

    RispondiElimina
  55. Sei grande davvero, anch'io spesso penso a quanto la vita sia ingiusta.....e quanto i nostri figli sono fortunati....la ricetta è geniale, la proverò!

    RispondiElimina
  56. ok, ma potresti pubblicare un piccolo post con il banner del contest e il link alla tua ricetta? :)

    RispondiElimina